Penuria di gas

Il settore immobiliare critica la regola del riscaldamento a 19 gradi

ev, ats

2.10.2022 - 12:42

Gli appartamenti con riscaldamento a gas – in caso di carenza di quest'ultimo – dovrebbero essere riscaldati a un massimo di 19 gradi, suggerisce il Consiglio federale (immagine illustrativa).
Gli appartamenti con riscaldamento a gas – in caso di carenza di quest'ultimo – dovrebbero essere riscaldati a un massimo di 19 gradi, suggerisce il Consiglio federale (immagine illustrativa).
KEYSTONE

Gli appartamenti con riscaldamento a gas – in caso di carenza di quest'ultimo – dovrebbero essere riscaldati a un massimo di 19 gradi, suggerisce il Consiglio federale. Tale regolamento non è al momento attuabile, critica il settore immobiliare. Inoltre, i proprietari potrebbero essere obbligati a concedere riduzioni di affitto.

ev, ats

2.10.2022 - 12:42

Secondo il Codice delle obbligazioni, un appartamento troppo freddo è considerato un «difetto», così come lo sono, ad esempio, le pareti macchiate, il guasto dell'ascensore al quarto piano o i rumori di costruzione nell'appartamento sovrastante. In questi casi, gli inquilini possono chiedere una riduzione dell'affitto, ricorda la «SonntagsZeitung».

L'importo di tale riduzione è lasciato alla discrezione del tribunale. Secondo il foglio informativo dell'associazione degli inquilini, ad esempio, con una temperatura ambiente tra i 16 e i 18 gradi ci si può aspettare una riduzione dell'affitto di circa il 20%.

Il governo federale rinvia ai tribunali

In teoria potrebbe esserci un problema anche con la regola dei 19 gradi per i locali interni riscaldati a gas o da una rete di teleriscaldamento a gas, posta in consultazione dal Consiglio federale.

Ma nelle sue osservazioni sulla bozza di ordinanza messa in consultazione, il Consiglio federale lascia la parola ai tribunali. «Solo i tribunali competenti in materia di locazione potrebbero fare chiarezza», scrive.

La Confederazione ritiene che il margine di manovra giuridico per una tale misura, che sarebbe temporanea, sia di gran lunga sufficiente. Nel suo commento, sottolinea che temperature tra i 20 e i 22 gradi Celsius sono normali in ambienti chiusi. Un abbassamento della temperatura di circa tre gradi, limitato nel tempo, dovrebbe «essere ancora considerato ammissibile nella pratica del diritto di locazione svizzero».

Richieste direttive concrete

Nella sua presa di posizione online del 20 settembre, l'Associazione svizzera dell'economia immobiliare (SVIT) critica il fatto che il Consiglio federale lasci la questione ai tribunali. La situazione iniziale rimane poco chiara al punto che i proprietari potrebbero essere minacciati di azioni legali per riduzioni di affitto.

SVIT nella sua presa di posizione si aspetta che il Consiglio federale «faccia chiarezza su questo punto e che definisca le temperature in questione come conformi al diritto di locazione per la durata dell'applicazione dell'ordinanza».

L'associazione critica anche il fatto che la regola dei 19 gradi non sarebbe attuabile. La temperatura è più bassa vicino al pavimento rispetto a sotto il soffitto, e diversa in bagno rispetto alla camera da letto, ha dichiarato il direttore di SVIT Marcel Hug alla «SonntagsZeitung».

Nella sua risposta alla procedura di consultazione, l'associazione aveva quindi chiesto che la Confederazione definisca direttive concrete per la misurazione della temperatura ambiente – «cioè con quale metodo o apparecchiatura, a quale altezza, per quanto tempo, in quali stanze e da chi».

ev, ats