Maltempo

Solo nel 2005 i danni sono stati maggiori, «ma è anche colpa dell'uomo»

Di Alex Rudolf

19.7.2021

Anche se la situazione meteorologica è migliorata, il pericolo di grossi danni non è ancora stato scongiurato. Ecco uno scatto dal lago di Bienne.
Anche se la situazione meteorologica è migliorata, il pericolo di grossi danni non è ancora stato scongiurato. Ecco uno scatto dal lago di Bienne.
KEYSTONE

Quest'anno gli assicuratori immobiliari hanno già ricevuto annunci di danni per 450 milioni di franchi. Un nuovo record è all'orizzonte.

Di Alex Rudolf

19.7.2021

Molti danni delle inondazioni non sono ancora stati annunciati, ma è già chiaro, parlando con gli assicuratori, che i danni sono da record. La sola Mobiliare si aspetta richieste di risarcimento per 280 milioni di franchi dalla serie di tempeste di quest'anno, avvenute tra il 20 giugno e il 13 luglio.

«Questo non include i danni della metà della scorsa settimana», dice il portavoce Kurt Messerli.

A titolo di paragone, le inondazioni del 2005 sono costate alla Mobiliare 450 milioni di franchi. Anche se hanno già ricevuto rapporti di danni causati dalle intemperie della settimana scorsa, dice Messerli, «è troppo presto per dare una cifra». 

Il secondo valore più alto dal 2005

I 18 assicuratori immobiliari cantonali hanno ricevuto segnalazioni di danni per 450 milioni di franchi, come ha detto il loro portavoce Siméon Bongard alla NZZ am Sonntag. Si tratta del secondo valore più alto dal 2005.

Poiché le inondazioni sono un pericolo naturale assicurato in Svizzera, quasi tutti gli edifici sono assicurati. Circa il 70% di essi sono assicurati da una delle assicurazioni cantonali. Il resto è assicurato da compagnie private.

Non è ancora chiaro quanto le compagnie di assicurazione dovranno pagare, ma stanno cercando di sborsare il meno possibile.

Ora si tratta di evitare e limitare ulteriori danni, dice Messerli. Agli assicurati viene offerto aiuto sulla rispettiva hotline: «Per esempio, consigliamo di portare, se possibile, gli oggetti bagnati fuori da una cantina e asciugarli». 

Il cambiamento climatico non è il problema principale

Gli assicuratori sembrano essere d'accordo sul fatto che il cambiamento climatico è la causa degli estremi meteorologici. Tuttavia, un altro fattore è responsabile della quantità di danni.

In un'intervista alla Sonntagszeitung, Tamara Soyka del riassicuratore Swiss Re dice che il cambiamento climatico gioca un ruolo a livello delle perdite. «In Svizzera, così come a livello globale, la crescita economica, l'urbanizzazione e lo sviluppo del territorio che l'accompagna sono molto più decisivi», dice. Per esempio, se il terreno è reso ermetico dalle attività dell'uomo le inondazioni non possono essere drenate facilmente. 

Passi per il futuro

Anche la popolazione deve essere informata. Sul sito web www.schutz-vor-naturgefahren.ch (in tedesco o francese), che è stato lanciato dall'Associazione degli assicuratori immobiliari e dei proprietari di case, tra altre cose, gli interessati possono scoprire come sono causate le inondazioni, se la loro casa è in una zona di pericolo e come possono proteggerla al meglio.

La settimana scorsa è stato annunciato che otto grandi compagnie di assicurazione europee stanno unendo le loro forze in un'alleanza per il clima. La Net-Zero Insurance Alliance (NZIA) comprende anche Swiss Re e Zurich Insurance. L'obiettivo è quello di rendere i portafogli liberi da emissioni di gas serra entro il 2050, ha annunciato l'alleanza.