A Glasgow «posizioni ancora divergenti»

ats

10.11.2021 - 07:50

Simonetta Sommaruga (foto d'archivio) sta avendo intense consultazioni alla COP26.
Keystone

La consigliera federale Simonetta Sommaruga sta avendo intense consultazioni a Glasgow sui calendari comuni per il clima. «Le posizioni sono ancora divergenti», anche se c'è un'opzione più sostenuta, ha detto martedì sera.

ats

10.11.2021 - 07:50

Al suo arrivo a Glasgow nel primo pomeriggio di ieri, la capo del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) ha incontrato i suoi omologhi.

Sommaruga ha poi incontrato il presidente della COP26 Alok Sharma, che le ha dato il mandato, insieme alla sua omologa ruandese, di trovare un calendario reciprocamente accettabile per annunciare gli sforzi degli Stati in favore del clima.

La scelta della Svizzera non è stata «compresa in anticipo», ha detto in serata Sommaruga. La consigliera federale avrà nei prossimi giorni incontri «quotidiani» con il presidente Sharma e sta lavorando su questo tema da settimane. Due opzioni sono ora sul tavolo. Una è «più sostenuta», ha detto Sommaruga senza rivelare quale.

Secondo una bozza pubblicata online dall'ONU, la prima opzione richiederebbe agli Stati di annunciare nel 2025 i loro «contributi nazionali» fino alla fine del 2035, poi nel 2030 fino alla fine del 2040, e poi ogni cinque anni nello stesso modo.

La seconda opzione fornirebbe una maggiore flessibilità, che la Cina in particolare vorrebbe vedere. Nel 2025, i paesi potrebbero scegliere se annunciare i loro sforzi fino al 2035 o al 2040 e il 2030 fino alla fine del 2040 o alla fine del 2050.

Almeno simile all'accordo di Parigi

Più in generale, Sommaruga «spera» in un accordo positivo su tutte le questioni principali alla COP26. Ma a tre giorni dalla fine, gli Stati sono ancora nella fase di mettere i loro interessi davanti alle loro concessioni. «Non tutto è sul tavolo», ha detto la consigliera federale.

Per la Svizzera, la cosa più importante è non raggiungere una situazione peggiore dell'accordo di Parigi. Pur riconoscendo l'importanza di considerare i bisogni dei paesi in via di sviluppo, la consigliera federale aggiunge che è necessario chiedersi se l'Arabia Saudita o Singapore siano tra questi Stati.

Una delle questioni più controverse nei negoziati è il meccanismo di contabilizzazione delle compensazioni delle emissioni di gas serra. Un accordo sembra possibile, secondo la delegazione brasiliana. Giovedì, Sommaruga firmerà nuovi accordi bilaterali considerati pionieri in questo approccio.

ats