Concetti di protezione

In troppi negli zoo? A volte le cose si complicano

Gil Bieler

22.5.2021

Gli zoo chiamano e la gente arriva in massa. Tuttavia, il numero di visitatori è limitato a causa della pandemia di Covid ed è per questo che alcuni giardini zoologici a volte raggiungono i loro limiti di capacità.

Gil Bieler

22.5.2021

A marzo gli zoo sono stati autorizzati a riaprire le loro strutture esterne e, un mese fa, hanno riaperto anche quelle interne. E la fretta è grande, anche troppo per i gusti di alcuni visitatori. «Sia all'entrata che al ristorante c'era una vera folla», dice il lettore di «blue News» Roger K.*, che ha visitato il Knies Kinderzoo a Rapperswil durante il fine settimana dell'Ascensione. «Non c'era verso di mantenere le distanze».

Roger K. e la sua compagna volevano rendere felici i loro due bambini, ma «non ci sentivamo a nostro agio». Nelle attività c'è una sconcertante normalità. «Con l'eccezione delle mascherine, non avresti capito che c'era una pandemia in corso». Nel ristorante self-service c'erano dei segnali sul pavimento che indicavano la distanza di sicurezza di 1,5 metri, ma quasi nessuno li rispettava. «Non c'era nemmeno il personale che lo facesse notare alla gente. Me lo sarei aspettato, come minimo».

Il lettore ha l'impressione che gli operatori dello zoo abbiano fatto entrare più gente possibile, forse anche troppa. «I parcheggi erano pieni, proprio come durante un giorno di attività normale dello zoo».

Una buona visione dei flussi di visitatori

I giardini zoologici, proprio come i ristoranti o i negozi, devono rispettare i regolamenti dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e i concetti di protezione del settore.

Il numero massimo di visitatori consentito dipende dallo spazio disponibile. Secondo questo calcolo, allo zoo di Rapperswil sono ammessi al massimo 2'000 visitatori insieme, come si legge sul suo sito web. Tuttavia, un sistema di conteggio non esiste «perché lo zoo dei bambini non ha raggiunto in passato la capacità massima di visitatori, secondo il calcolo di cui sopra».

In risposta a una richiesta di «blue News», Benjamin Sinniger della direzione della struttura ha spiegato che, tradizionalmente, non vengono pubblicate le cifre dei visitatori. Assicura tuttavia che il limite massimo di visitatori non viene raggiunto nemmeno nei giorni di buona affluenza. Grazie al sistema di cassa e alla vendita di biglietti online, lo zoo ha sotto controllo i flussi di visitatori.

Nello zoo i regolamenti applicabili sono chiaramente indicati e il personale è tenuto, per esempio, a garantire il rispetto dei requisiti di distanza e di mascherina. Per creare abbastanza spazio, il numero di posti all'aperto è stato aumentato del 70% e il flusso di visitatori all'ingresso e nel ristorante è gestito per evitare lunghe code. «Naturalmente, alla fine, bisogna contare anche sulla collaborazione degli ospiti. Ma di regola, si comportano molto bene».

«Un bisogno represso» tra la gente

Sinniger può confermare che la gente ha attualmente un «bisogno represso»: «Marzo e aprile sono stati un inizio fantastico per la nuova stagione». E non vale solo per l'Ascensione, aggiunge: «Si può sentire quanto la gente apprezzi il fatto di poter fare di nuovo qualcosa». Questa impressione è condivisa anche altrove.

Al Walter Zoo di Gossau (San Gallo), si riferiscono anche alle esperienze della prima chiusura nel 2020: «Anche se allora siamo stati chiusi per tre mesi, abbiamo avuto solo il 13% di visitatori in meno alla fine dell'anno», risponde Fabienne Grawehr che si occupa del settore marketing.

Il Walter Zoo è attualmente autorizzato a far entrare un massimo di 1'100 persone alla volta, secondo il piano di protezione. «All'inizio eravamo preoccupati di perdere troppi visitatori con questo limite», dice Grawehr. Ma i timori non sono stati confermati. Nessuna persona, finora, è infatti stata respinta.

Allo zoo di Basilea, più di 6'000 visitatori sono stati contati giovedì e venerdì della scorsa settimana. «Si è notato che tra loro c'erano molti tedeschi e francesi, che hanno colto l'opportunità di poterci di nuovo visitare», spiega la portavoce Tanja Dietrich. Secondo il piano di protezione, un massimo di 2'050 persone sono ammesse nello zoo allo stesso tempo - una cifra che viene raggiunta molto raramente. Venerdì scorso, l'ammissione ha dovuto essere fermata brevemente dalle 11, poi ha continuato fino alle 13 circa «con il contagocce», ha spiegato Dietrich. «Ma è un'eccezione».

L'ideale è avere un «tempo mediocre»

È difficile stimare quanto sarà grande la folla a Pentecoste, perché dipende dalla meteo. L'ideale è «un tempo mediocre», dice Dietrich. Se fa troppo bello, le persone sono più propense ad andare a nuotare o in mezzo alla natura, mentre se piove rimangono a casa. Le previsioni con il tempo assai mutevole dovrebbero quindi essere ideali per gli zoo. E, in generale, ci sono molti visitatori nei giorni festivi.

È molto probabile che il Consiglio federale promulghi ulteriori allentamenti alla fine di maggio, che saranno rilevanti anche per gli zoo. Soprattutto nel settore della ristorazione interna, ma anche per le visite guidate, che oggi sono ancora limitate a 15 persone.

Questo darebbe agli zoo più spazio di manovra in termini di business, ma lo zoo di Basilea non si aspetta un risultato finanziario come prima della pandemia. Per compensare i 59 giorni di chiusura forzata, la gente dovrebbe fare un pellegrinaggio allo zoo in numero straordinario.