Vaccino, cosa ci fanno i bimbi nelle statistiche?

Di Andreas Fischer

23.9.2021

Alunni della scuola primaria che fanno ginnastica con le mascherine ad Allschwil (Basilea Campagna) nel gennaio 2021.
Alunni della scuola primaria che fanno ginnastica con le mascherine ad Allschwil (Basilea Campagna) nel gennaio 2021.
KEYSTONE

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) include anche i bimbi sotto i 12 anni nel tasso di vaccinazione. Eppure non possono ancora essere immunizzati contro il Covid-19. È per questo che la Svizzera è in coda all'Europa occidentale?

Di Andreas Fischer

23.9.2021

Il tasso di vaccinazione è qualcosa di cui parlare. Con poco meno del 54% di persone completamente vaccinate, la Svizzera è in coda alla classifica dell'Europa occidentale. In Germania, le persone prendono persino in giro i brontoloni federali (contenuti a pagamento).

La consigliera nazionale dell'UDC Martina Bircher sospetta che il Governo abbia deliberatamente fissato una quota di vaccinazione troppo bassa per giustificare il mantenimento delle misure. Inoltre, l'UFSP include nelle statistiche anche i bambini sotto i 12 anni, i quali però non possono ancora essere vaccinati.

Il tasso di vaccinazione è davvero sottostimato? L'epidemiologo bernese Christian Althaus, ex membro della Task force scientifica, non è d'accordo: «Poiché la Sars-CoV-2 circola in tutta la popolazione, ha senso indicare il tasso di vaccinazione per la popolazione totale», risponde alla domanda di «blue News».

«Il contributo preciso degli under 12 alla trasmissione nell'intera popolazione è difficile da quantificare», ammette Althaus. Ma una cosa è certa: anche i bambini e gli adolescenti possono contrarre il Covid-19 e infettare gli altri. Il Consiglio federale ha risposto in modo succinto alla domanda di Martina Bircher: «In linea di principio, tutte le persone possono contribuire alla dinamica dell'infezione».

Altri paesi, altri dati

Nei paesi vicini alla Svizzera, i tassi di vaccinazione sono tuttavia presentati in modo diverso. Anche la Francia lo mostra esplicitamente per gli adulti di età superiore ai 18 anni. Quando le ultime cifre sono state pubblicate, il 15 settembre, il tasso dell'84% era ovviamente molto più alto di quello della popolazione totale, di cui il 64,2% è completamente vaccinato.

Anche l'Italia sta procedendo in modo simile. Il progresso della vaccinazione è indicato dal tasso di coloro che hanno più di 12 anni, più del 76%. In relazione alla popolazione totale, il 66,2% delle persone sono vaccinate completamente.

In Germania lo standard pubblicato è la quota determinata sulla base della popolazione totale. «A livello epidemiologico è proprio l'obiettivo ricercato quello di conoscere la percentuale di persone vaccinate nella popolazione totale», sostiene il Robert Koch Institute (RKI) tedesco in risposta alla richiesta di «Blue News», sempre secondo Althaus .

In Germania, oltre alla quota, «vengono dati anche i numeri assoluti, in modo che ognuno possa sottrarre quello che vuole dal totale».

Per esempio, per calcolare i tassi di vaccinazione per i singoli gruppi di età: l'RKI subentra subito per gli over 18. Il 74% degli adulti in Germania ha una protezione vaccinale completa. In tutta la popolazione, il tasso di immunizzati è del 63,4% (al 22 settembre). Tuttavia, bisogna cercare un po' per trovare i dati.

I vicini sono significativamente più avanti

In Svizzera è un po' più complicato, ma non impossibile, trovare le cifre pertinenti. L'Ufficio federale di statistica fornisce la composizione della popolazione ordinata per età, l'UFSP non solo comunica il tasso di vaccinazione (attualmente: 53,88%), ma anche il numero di persone vaccinate.

Con una piccola aggiunta e la regola del tre, si può calcolare da soli che il tasso di persone completamente vaccinate tra tutti coloro che possono essere vaccinati (a partire dai 12 anni) è di circa il 60%.

Tra gli adulti di età superiore ai 18 anni risulta del circa 65%. La maggior parte dei Paesi vicini e molti altri Stati dell'Europa occidentale sono più avanti in maniera significativa, anche perché in Francia e in Italia, per esempio, la vaccinazione è obbligatoria per alcuni gruppi professionali.

Un'alta copertura vaccinale è importante per raggiungere l'immunità di gregge. Secondo Althaus, «la scienza presuppone che con un tasso di vaccinazione superiore all'80% della popolazione totale, la trasmissione della Sars-CoV-2 è fortemente limitata. Questo risultato può essere ben raggiunto con un alto tasso di vaccinazione (90%) tra gli adulti».