Giustizia

Vaud: viaggi Broulis e Savary, nessuna infrazione

ATS

26.10.2018 - 12:47

I viaggi in Russia del consigliere di Stato vodese Pascal Broulis (PLR, nella foto) e della consigliera agli Stati socialista Géraldine Savary sono stati di ordine privato.
Source: KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

I viaggi in Russia del consigliere di Stato vodese Pascal Broulis (PLR) e della consigliera agli Stati socialista Géraldine Savary sono stati di ordine privato e nessuno dei due ne ha tratto alcun vantaggio incompatibile con la carica ricoperta.

È la conclusione a cui è giunto il procuratore generale vodese, che non ha trovato traccia di infrazione penale.

Sulla base delle investigazioni preliminari, il Ministero pubblico ha concluso che i due personaggi politici "si sono assunti le spese di viaggio e niente suggerisce che abbiano ricevuto o sollecitato vantaggi economici, né che gli siano stati promessi", nemmeno da Frederik Paulsen - presidente del gruppo farmaceutico Ferrig con sede a St-Prex (VD) - che ha partecipato al viaggio.

Nel comunicato odierno del procuratore si mette anche in luce il fatto che la trasferta è avvenuta in condizioni "precarie, spartane (...) molto lontane da voli in jet privato o business class a destinazione di luoghi di villeggiatura o di incontri per VIP".

Secondo il procuratore Eric Cottier non ci sono quindi elementi per aprire una procedura penale.

La Svizzera in immagini

Tornare alla home page

ATS