Come tenere alto il morale in famiglia

In collaborazione con la Mobiliare

2.4.2020

Getty Images

Se all’improvviso tutta la famiglia si ritrova fissa in casa servono idee e organizzazione. Ecco qualche consiglio per grandi e piccini per combattere noia e frustrazione ai tempi del coronavirus. In collaborazione con la Mobiliare.

Tutto d’un tratto l’appartamento si trasforma in area giochi, ufficio, mensa, centro di yoga, music bar e cinema. Scuole e asili nido sono chiusi e anche i genitori sono sempre a casa. Le misure contro la diffusione del coronavirus ci hanno sconquassato la vita. E questa situazione eccezionale, che ci blocca in casa, ci costringe a essere creativi.

Una grande sfida soprattutto per le famiglie, perché i bambini hanno bisogno di movimento, passatempi e – a seconda dell’età – devono anche studiare da casa. Ecco qualche consiglio per combattere la noia e vivacizzare le giornate.

Disegnare #schizzodisinistrocasalingo

  • Stando a lungo tutti insieme a casa, può capitare che si rompa qualcosa. Poco male. Tanto c’è la Mobiliare.
  • Per combattere la noia, genitori e figli possono disegnare degli schizzi di sinistro insieme. La carta quadrettata è scaricabile qui.

Mostrateci cosa state combinando a casa. Postate l’immagine con l’hashtag #schizzodisinistrocasalingo oppure caricatela su mobiliare.ch.

Strutturare il lavoro in home office

La prima cosa è organizzare la propria quotidianità, se necessario con un programma orario. Condividete le pause. Fissate degli orari in cui non potete guardare né schermi né notizie e definite una stanza dove la tecnologia non può entrare.

Cercate di inserire l’attività fisica nella vostra quotidianità facendo ginnastica o esercizi di yoga eseguibili anche a casa. Coinvolgete i piccoli nei lavori domestici. Se sono abbastanza grandi, lasciate che siano i bambini a definire queste regole. Altre informazioni utili sono consultabili sul portale della fondazione projuventute.ch.

Getty Images

Giochi e bricolage

Per i bambini giocare è importante, perché li aiuta a scoprire il mondo. Dobbiamo quindi metterli in condizione di farlo e incoraggiarli. Per i più piccoli si può improvvisare una mini-sabbiera mettendo una vasca di plastica sul balcone e riempiendola con la sabbia usata per gli uccelli.

E conservate il cartone da buttare perché, con un po’ di fantasia, un paio di forbici, della colla e dei colori, può tornarvi utile per tanti lavoretti di bricolage. Con una scatola da scarpe potete costruire una casa o un garage. Con dei bicchieri e una piccola palla potete realizzare una minipista da bowling.

E non buttate via neanche i tubi di cartone della carta igienica, che possono essere riutilizzati in mille modi, ad esempio per le decorazioni pasquali. In Internet trovate innumerevoli idee di bricolage per tutte le età.

Getty Images

In giro con social distancing

I bambini possono ancora uscire fuori a giocare insieme, a patto però che rimangano in piccoli gruppi stabili. Possono divertirsi a fare dei disegni con dei gessetti per strada e a cancellarli ci penserà poi la pioggia. Oppure possono esplorare il bosco in compagnia di mamma o papà. Adesso è il momento ideale, con la natura in fiore e l’aglio orsino pronto per essere raccolto. Gli ultimi temporali hanno fatto cadere molti rami, ma voi potete riciclarli per tanti lavoretti. Lasciate volare libera la fantasia.

Sistemare, mettere in ordine

Speriamo di poterci rimettere presto in sella. Intanto sfruttiamo questo tempo per dare una sistemata alla bicicletta. Pulire, tirare a lucido, oliare la catena... E quando siete con tutta la famiglia riunita, la sera o il fine settimana, che ne dite di rimettere a posto la cantina o sistemare il balcone o il giardino tutti insieme?

Cucinare insieme

Cucinare qualcosa di veloce tra home schooling e home office? Servono tempo e coraggio. Preparate un menù insieme ai bambini. Cucinate per esempio un pentolone di ragù alla bolognese o una vellutata. Preparate delle torte salate di formaggio o verdura e una torta di mele per merenda. Sono tutti piatti veloci che si possono cucinare in anticipo. Una polenta con verdure e sugo di pomodoro è una ricetta veloce e gli avanzi possono essere trasformati in piccoli bocconcini. Anche in questo caso le possibilità sono infinite. In Internet potete trovare migliaia di spunti.

Getty Images

App e film per bambini

Le app con giochi e intrattenimento per bambini sono infinite e diversificate in base ai gusti degli utenti. Fate quindi attenzione alle raccomandazioni per fasce di età e verificate che non siano presenti acquisti in-app.

Vastissima pure l’offerta di film e serie per bambini. Anche in questo caso gli esperti di pedagogia dei media raccomandano di controllare le indicazioni relative all’età e di concordare con i bambini quando e per quanto tempo possono guardare questi contenuti.

Getty Images

Regole per YouTube, game e social media

Anche se la scuola è chiusa e i ragazzi si tengono in contatto con gli amici solo attraverso Snapchat, Instagram o TikTok, Pro Juventute consiglia di mantenere invariate le regole sul tempo che è permesso trascorrere davanti allo schermo. Fa eccezione naturalmente l’utilizzo dei media a scopo scolastico: per l’e-learning o i tutorial su YouTube valgono criteri diversi rispetto al mero consumo dei media digitali. Inoltre, la videotelefonia o le chat possono aiutare i bambini a mantenere le loro amicizie. L’importante è che in famiglia ci siano delle regole precise.

I consigli di Pro Juventute e Swisscom per un uso sano dei mezzi elettronici:

  • Stabilite delle regole in base all’età per quanto riguarda il tempo da trascorrere di fronte allo schermo, i contenuti e il tipo di media. La regola del 3-6-9-12: niente televisione sotto i 3 anni, nessuna consolle personale per videogiochi prima dei 6, Internet dopo i 9 anni e i social media dopo i 12.
  • Stabilite con i vostri figli l’orario, la durata e il motivo per cui possono utilizzare il cellulare o il tablet.
  • Ricordate che i vostri bambini vi prendono a modello, anche nell’utilizzo di cellulare o tablet.

Si tratta di un contenuto sponsorizzato. “In cooperazione con…” significa che il contenuto è stato prodotto per un cliente e pagato da quest’ultimo.

Tornare alla home page