Advertorial «Sogno una carriera all’estero»

In cooperazione con Lexus

23.10.2023

È la regina svizzera del R&B. Naomi Lareine ha appeso al chiodo la sua carriera calcistica e il suo lavoro d’ufficio per darsi completamente alla musica. Con successo. Ora vuole tentare il grande salto all’estero.

In cooperazione con Lexus

23.10.2023

Nelle sue canzoni Naomi Lareine (29) dà libero sfogo alle sue emozioni e non si tira indietro neppure nei testi. «Voglio che la mia musica sia autentica», dice la figlia di uno svizzero e di una francese con radici nell’Africa occidentale. «Racconto le mie esperienze e voglio incoraggiare tutti coloro che stanno vivendo un’esperienza simile».

Con la tatuatrice Gina Madskull (26), Lareine ha trovato la felicità anche dal punto di vista sentimentale. Fanno coppia fissa da tre anni. «Non ostento platealmente la mia sessualità davanti a tutti, ma sono me stessa e forse il mio essere aperta può aiutare chi non ha ancora avuto il coraggio di fare outing, spingendo a identificarsi».

Un sogno che si è avverato

Il nome di Naomi Lareine è apparso per la prima volta nei media cinque anni fa. Ormai è entrata a far parte dell’Olimpo musicale svizzero. «Ogni volta che mi viene permesso di salire su un palco, per me è un momento magico», dice l’artista. Quest’estate ha realizzato un grande sogno. «Ho avuto il privilegio di esibirmi al Montreux Jazz Festival, è stato semplicemente incredibile».

Al momento la 29enne trascorre gran parte del suo tempo in studio di registrazione e sta lavorando a nuove canzoni. Da due anni Lareine punta tutto sulla carriera artistica, ma ammette senza problemi che: «Vivere di sola musica è difficile». Il business è cambiato, ma la sponsorizzazione, il merchandising e le apparizioni negli spettacoli televisivi rappresentano nuove opportunità di guadagno per i musicisti. «Il mio status di artista mi aiuta non solo a dipendere da concerti e streaming, ma anche a stringere partnership selezionate».

Se siamo in sintonia. Come con Lexus. «Nella cultura e nello sport, la strada per raggiungere la vetta può essere accidentata, ecco perché sosteniamo talenti come Naomi Lareine o la velista di punta Anja von Allmen. Noi di Lexus sappiamo che la classe superiore richiede più impegno – e questo deve anche essere ricompensato», afferma Christian Wellauer, direttore di Lexus Svizzera.

Pioniere delle auto ibride


Noi di Lexus crediamo nell’individualità e che bisogna farsi strada da soli, proprio come Naomi Lareine. La musicista svizzera guida una Lexus UX Hybrid. E ha scelto consapevolmente Lexus e la tecnologia ibrida superiore. Lexus si è affermata con un ruolo di innovatrice del mercato. È stata la prima produttrice al mondo a lanciare un’ampia gamma di auto ibride, ora abbinata a una garanzia di 10 anni, unica nel settore. Così puoi fare la tua strada.

Mehr erfahren

«Mio padre ha esercitato una forte influenza su di me»

Nonostante i numerosi successi, la regina del R&B conosce anche il rovescio della medaglia. «Non è che mi scontri con una vera e propria resistenza dall’esterno, spesso sono io stessa a mettermi il bastone tra le ruote», rivela Lareine. «Ci sono momenti in cui sono insicura e la mia autostima sparisce». Poi deve ritrovare se stessa, rialzarsi e andare avanti. «L'importante è non perdere mai di vista l’obiettivo. La mia famiglia e il mio ambiente mi aiutano in questo, mi danno forza ed energia».

Lareine vive seguendo la filosofia: quando si chiude una porta, si apre un portone. È stato suo padre, l'ex professionista di hockey su ghiaccio Martin Bruderer (56), a darle l’esempio. «Quando nello sport si subiscono delle sconfitte, bisogna accettarle e andare avanti. Ho parlato spesso con lui di forza mentale, mio padre ha esercitato una forte influenza su di me».

Faceva parte della nazionale femminile Under 19

Lareine ha imparato la disciplina giocando a calcio fin da adolescente. Era difensore del GC e faceva parte della nazionale femminile Under 19. Anche se ha avuto molto successo, non ha mai neppure pensato a una carriera in campo. «Nel calcio ho potuto esprimere tutte le mie emozioni e tutta la mia energia. Ma per me è sempre stato chiaro che il mio futuro sarebbe stato nella musica». A 20 anni ha smesso di giocare a calcio e si è concentrata completamente sul canto.

Adesso Naomi Lareine vuole conquistare il mondo

«In teoria, sto già vivendo il mio sogno», afferma Naomi Lareine. «Sono una musicista indipendente, mi sveglio ogni giorno e posso fare ciò che amo». Ma continua a sognare: «Voglio andare in tournée anche all’estero e portare la mia musica alle persone di tutto il mondo».

Si tratta di un contenuto sponsorizzato. «In cooperazione con…» significa che il cont