Maltempo Presidente governi Cantoni alpini, «non abbandoneremo intere valli»

sifr, ats

7.7.2024 - 11:17

"Gli ultimi giorni hanno pure dimostrato che abbiamo fatto davvero molte cose giuste negli ultimi 50 anni", ha sottolineato la presidente della CGCA Carmelia Maissen.
"Gli ultimi giorni hanno pure dimostrato che abbiamo fatto davvero molte cose giuste negli ultimi 50 anni", ha sottolineato la presidente della CGCA Carmelia Maissen.
Keystone

La presidente della Conferenza dei governi dei cantoni alpini (CGCA) Carmelia Maissen ha messo in guardia da una «visione cinica e a corto termine» in relazione all'abbandono di vallate di montagna.

7.7.2024 - 11:17

In un'intervista alla «NZZ am Sonntag», la consigliera di Stato grigionese (Alleanza del Centro) ha affermato che potrebbero esserci singoli casi di reinsediamento. «Ma non rinunceremo certo a intere valli», ha detto Maissen.

È comunque un dato di fatto che il popolamento è sempre stato soggetto a cambiamenti, e sarà così anche in futuro. Le aree di insediamento e le infrastrutture sono aumentate negli ultimi anni e di conseguenza sono diventate più vulnerabili, ha spiegato la presidente della CGCA.

Non bisogna però dimenticare che «gli ultimi giorni hanno pure dimostrato che abbiamo fatto davvero molte cose giuste negli ultimi 50 anni», ha detto Maissen. A suo dire ora è il momento di analizzare le intemperie. Tenendo conto degli scenari climatici, è necessario valutare con lungimiranza dove si trovano i punti deboli.

Anche per David Bresch, professore al Politecnico federale di Zurigo (ETH), la discussione non riguarda solo aspetti finanziari, ma anche emozioni. In un'intervista alla «SonntagsZeitung» ha affermato che il riscaldamento globale non è ancora stato preso in considerazione nell'elaborazione delle mappe dei pericoli. Ciò deve cambiare.

«Finché il riscaldamento globale continuerà, le evacuazioni aumenteranno», ha sottolineato lo specialista di rischi meteorologici e climatici. Il fenomeno non è nuovo e i danni aumenteranno.

Secondo Bresch non è possibile generalizzare l'onere finanziario per le misure di protezione di un'area. Tuttavia, la questione si pone per singole zone molto esposte. Il professore ha poi lanciato un appello alla responsabilità personale: «bisogna anche chiedersi onestamente: perché sono qui, perché ho comprato questa proprietà?».

La discussione sul reinsediamento è condotta da una prospettiva puramente finanziaria, ha criticato Maissen. La presidente della Conferenza intergovernativa dei cantoni di Uri, Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Appenzello Interno, Grigioni, Ticino e Vallese ha affermato che il trasferimento rappresenterebbe un duro colpo per le persone interessate.

Oltre alla popolazione di montagna, ha sottolineato, viene trascurato anche il contributo delle regioni montane all'intero paese: produzione di energia elettrica, infrastrutture di trasporto e di approvvigionamento e aree ricreative. L'insediamento decentrato è sancito dalla Costituzione federale. «Dobbiamo quindi fare tutto quanto possibile e sensato per garantire che ciò rimanga così», ha dichiarato Maissen.

sifr, ats