«A Hollywood, hai bisogno di speranza, ma è una droga»

Di Fabian Tschamper

20.6.2021

Il vodese Carlos Leal è attualmente in Svizzera e abbiamo potuto incontrarlo. Ci ha parlato della paura del Covid, del suo mestiere e ci ha spiegato perché la disperazione di un attore si spegne subito. 

Di Fabian Tschamper

20.6.2021

Incontro l'attore svizzero all'Hotel Waldstätterhof di Brunnen, nel canton Svitto.

Il produttore del film a cui Leal sta lavorando mi viene a prendere e mi porta al ristorante. Il romando è seduto comodamente nel salone e mi stringe la mano in segno di saluto.

Abbiamo un sacco di tempo, mi assicura. La luce per le riprese in questa bella giornata sul lago dei Quattro Cantoni è pessima, dice.

Per la coproduzione ispano-svizzera «Color of Heaven» interpreta il migliore amico del protagonista con cui parla in inglese, con un accento francese, come mi dice con un sorriso.

Carlos Leal, come è stato l'ultimo anno per lei personalmente e professionalmente?

Parlo molto, quindi siate pronti!

Sono pronto.

L'ultimo anno è stato fantastico. È stata un'esperienza gigantesca per me. Lo è stata per tutti, ovviamente. Mi sono evoluto durante la pandemia da Covid, ho rivalutato la mia vita. Inoltre, abbiamo avuto un lockdown piuttosto lungo a Los Angeles. Non potevo lavorare, non potevo creare. Così ho deciso di iniziare a fare questo.

Leal batte l'indice sulla macchina fotografica appoggiata sul tavolo.

Volevo lavorare intensamente su questa passione. Fino ad ora non avevo il coraggio di farlo, ora ho osato. E sono incredibilmente felice di poter esporre le mie fotografie a luglio alla mostra photoSCHWEIZ a Zurigo.

Ma la fotografia non porta soldi, o non ancora. Quando la situazione lavorativa come attore è di nuovo migliorata per te?

Sono stato fortunato. Quando la situazione pandemica in Europa si è un po' calmata, la scorsa estate, ho potuto girare un cortometraggio a Zurigo. In seguito sono stato davanti alla telecamera a Berlino con Moritz Bleibtreu per la mini-serie «Blackout».

Quando abbiamo finito, la situazione in Europa è tornata a peggiorare, così sono tornato negli Stati Uniti, anche perché dall'altra parte dell'Oceano le cose erano nel frattempo migliorate. La Screen Actors Guild, il sindacato degli attori, ha elaborato un concetto di sicurezza per poter lavorare nella situazione particolare causata dal Covid.

Come è cambiato il lavoro sui set dei film?

Abbiamo fatto i test ogni giorno. E le misure prese da Hollywood sono state grandiose. Le produzioni erano divise in gruppi, quindi non ho mai avuto contatti con molte persone. Dovete pensarla così: i tecnici arrivano prima, montano tutto, telecamere, luci e così via, e poi lasciano il set. Durante le riprese ci sono solo gli attori, il regista e i tecnici del suono.

È ancora così adesso, anche dopo che molte persone sono state vaccinate?

Sì, ma è un po' più rilassato.

Carlos Leal è stato davanti alla telecamera nella serie televisiva svizzera
Carlos Leal è stato davanti alla telecamera ne "Il Becchino", una delle serie televisive svizzere di maggior successo del decennio, per dodici episodi con Mike Müller e Barbara Terpoorten.
SRF

E qual è la situazione in Europa?

Non c'è una divisione in gruppi, ma facciamo regolarmente dei test. Per esempio, se ho un servizio fotografico il mercoledì, faccio il test il lunedì e il martedì. Ma fondamentalmente è impossibile svolgere un servizio fotografico completamente privo di rischi.

Non hai mai paura di ammalarti?

Sono solo preoccupato per i miei figli.

Prima della pandemia, si poteva certamente essere più selettivi sui ruoli. Ora accetti qualsiasi ruolo che ti si presenta?

Beh, prima di tutto, a Hollywood non sono nella posizione di poter interpretare i ruoli che voglio. Qui in Svizzera lo sono. A Los Angeles la mia direzione si assicura che i miei personaggi non siano stupidi o nulli. I ruoli hanno sempre un certo impatto sul film o sulla serie. Generalmente, accetto i ruoli a Hollywood, salvo non ci sia un conflitto di programmazione.

A proposito di ruoli: di quale sei più orgoglioso?

Mi piace la profondità. Quando ero nel film «Gotthard» nel 2016, è stato un onore interpretare Louis Favre. Grazie a lui, abbiamo il fottuto tunnel del Gottardo! Quel tipo era un genio. E quando si ottiene un ruolo del genere, c'è qualcosa da difendere. Non solo il personaggio del film, ma una persona reale. Ruoli come questo sono fantastici.

Quali altri progetti ti rendono orgoglioso?

Ho appena girato un film con Al Pacino. La scena dura solo circa tre minuti e la parte non è la migliore della mia vita. Ma ehi, è Al Pacino! Nella scena sono seduto di fronte a lui e gli parlo. È qualcosa di cui essere orgogliosi.

Ti intimidiscono le star di Hollywood?

Mi considero semplicemente molto fortunato. Ho avuto il piacere di girare con Martin Sheen, Daniel Craig, Mads Mikkelsen e più recentemente con Mark Wahlberg e Mel Gibson. Non è quello che sto cercando a tutti i costi. La qualità del lavoro sarà sempre in primo piano nella mia mente. Alla fine della giornata, questo è quello che mi piace.

Buono spunto: molte persone sognano di recitare. Hai qualche consiglio da dar loro?

Pensate all'arte e non al risultato. Probabilmente circa l'80% di queste persone vuole essere sul tappeto rosso, sotto i riflettori. E dimenticano la cosa più importante: il mestiere. Il cinema è arte, la recitazione è arte. È un mestiere e se non lo stai imparando, lavorando su questo, praticando quest'altro, allora stai perdendo il punto. Mi dispiace.

Certo, si può essere fortunati. Vai a Hollywood, hai un bell'aspetto e improvvisamente l'industria cinematografica ha bisogno di una persona così, poi hai successo per un anno, forse due.

Molte persone lo dimenticano al giorno d'oggi.

Prendiamo l'esempio degli Youtuber e degli Influencer. All'inizio di questo movimento era facile avere successo. Finché avevi quel certo qualcosa. Oggi c'è una concorrenza enorme, l'asticella deve essere alzata.

Bisogna distinguersi.

Esattamente.

Il successo è spesso fugace.

Sì, può sparire così. Ci sono innumerevoli attori che hanno avuto un grande successo in questo film e in quel film. E dove diavolo sono oggi? Nessuno lo sa. Forse per scelta, forse perché lo vuole l'industria. O forse è quello con cui lei o lui sta lottando, è la natura dell'industria cinematografica.

Leal nel film di James Bond
Leal nel film di James Bond "Casino Royale", qui accanto all'attore tedesco Ludger Pistor.
Columbia Pictures

L'attore Daniel Day-Lewis lo ha fatto volontariamente. Ora produce scarpe in Irlanda.

Sì, con lui è stata una scelta. E il ragazzo è una leggenda. Non credo che nessuno abbia ottenuto più premi di lui. Ma è stato lontano dall'industria fin dall'inizio. Non gli importava della sua fama. Day-Lewis preferisce assecondare la sua passione. Assolutamente. Quando ha fatto l'ultimo film con Paul Thomas Anderson («Phantom Thread», Day-Lewis interpreta un sarto, ndr), ha imparato a fare il sarto. Day-Lewis è pazzo! E la parte migliore è che ha fatto lui stesso il vestito più bello del film, che matto.

Una volta hai detto che la speranza a Hollywood può essere come una droga.

Lo è, sì. Sicuramente. Se non altro perché lo spirito americano è quello dell'ottimismo. È così che funzionano. Posso farvi un esempio: la mia manager di Hollywood, che ho avuto per dieci anni, ha creduto in me fin dall'inizio. Come tutte le persone, ho attraversato dei crolli, dei periodi vuoti. Ed è stato allora che ho pensato tra me e me: «Fanculo, voglio fare qualcos'altro, forse tornerò in Spagna, qualsiasi cosa».

Cosa ti ha detto la tua manager allora?

«No, Carlos, vedrai, succederà». E in un certo senso sta succedendo davvero.

Per esempio, la scena che hai descritto prima con Al Pacino.

Il montaggio finito mi è stato inviato dal mio manager proprio di recente! Non sapevo nemmeno se ero nel film. Se non piaci alle persone che decidono, vieni tagliato. Quando ho visto la scena, ho pensato tra me e me: ha ragione. Ha ragione! Un giorno non hai molte speranze e poi succede questo! Hai bisogno di speranza, ma è una droga.

E cosa succede quando non hai più la droga? Paura? Disperazione? Depressione?

Quando si è disperati, si deforma il proprio comportamento. Non troverete un lavoro in questo modo. La telecamera e il responsabile del casting se ne accorgono subito. A loro non piace. Quindi bisogna nutrirsi di speranza. Nel bene e nel male.

Ma ora arriviamo a «O questo o quello» Ho preparato alcune domande.

Mio figlio adora.

Losanna o Los Angeles?

Losanna.

Cocktail o birra?

Cocktail.

Quale?

Ultimamente, l'Old Fashioned Carlos! Negli Stati Uniti lo mescolano con mezcal o tequila, qui di solito è whisky. Quindi chiedo sempre un Old Fashioned, ma con tequila, per favore.

Tatuaggi o piercing?

Nessuno dei due. I tatuaggi mi piacciono su altre persone. Nel mio lavoro, però, non sono un vantaggio.

Ammetto che è stato un depistaggio. Hai un piccolo tatuaggio.

Con una storia incredibile...

... che mi piacerebbe sentire.

È una piccola F. Risale alla mia prima ragazza, Florence. Eravamo pazzi l'uno dell'altro. Aveva il mio nome tatuato sul polso sotto il suo orologio... Per poterlo nascondere ai suoi genitori. L'ha fatto da sola, con un ago. E mi sono detto: «Wow, forse dovrei fare lo stesso».

Tuttavia, volevo solo 'Flo', la versione carina del suo nome. Così ha iniziato, ma non c'era abbastanza inchiostro quella notte. Sono tornato a casa e mia madre se n'è accorta! Una madre spagnola vecchia scuola, non ne era affatto contenta: «Hai 13 anni, Carlos! E vuoi tatuare il nome di una ragazza? Certo che no!».

Il giorno dopo andai a trovare Florence e glielo confessai. Più tardi ci siamo lasciati e il contatto è stato completamente perso. Ed ecco che, circa dieci anni dopo, ero seduto con amici su una terrazza a Losanna quando la vidi. Sono corso da lei, era quasi scioccata quando mi ha riconosciuto. Mi ha detto che si sarebbe sposata la settimana successiva e che stava andando all'ospedale a farsi togliere il mio nome.

Incredibile.

Mi sono detto: che bella storia! È per questo che ho tenuto la F, per poterla ricordare.

Come attore e musicista: preferiresti avere un Oscar o un Grammy?

Un Oscar.

Quindici anni fa, ai tempi di Sens Unik, la risposta sarebbe stata la stessa?

Sì, perché non rispetto i Grammy. I musicisti fanno e cosa ottengono in questo business. Non mi interessa la maggior parte della musica che viene premiata ai Grammy. Tranne che per alcuni artisti, forse.

L'Oscar è diverso. Per esempio «Parasite», molte persone sono d'accordo che questo film è un capolavoro. La musica è diversa.

Buon proseguimento, grazie... Stavo per chiederti qual è stato il miglior film che hai visto l'altra sera...

«Nove giorni». È stato nominato agli Spirit Awards, che è un premio per i film «indie» (indipendenti ndr.). È un film sconosciuto, attori sconosciuti, ma una sceneggiatura fantastica.

Gli darò sicuramente un'occhiata.

C'è questa piattaforma chiamata Kanopy, lo troverete sicuramente lì. È come Netflix, solo con buoni film. Ho visto tante opere completamente sconosciute, ma incredibilmente buone.

Questo mi riporta a «Parasite», dopo di che ho guardato «Burning», sempre di un regista sudcoreano. Fantastico.

Ultimamente, sempre più film che non provengono da Hollywood stanno ricevendo le maggiori lodi. Per quale motivo?

Sono le differenze culturali. Cresci in un ambiente che fornisce l'ispirazione per il tuo lavoro. È così semplice.

In Spagna, per esempio, l'amore è mostrato molto intensamente, il sesso è selvaggio. L'Italia lo romanticizza un po' di più. Il regista Federico Fellini era un surrealista, ma i suoi film avevano sempre delle storie d'amore. O la Francia: i film sono molto intellettuali, filosofici, perché la cultura è questa.

E Hollywood vuole solo raccogliere il maggior pubblico possibile e la cultura è secondaria?

Hollywood non potrebbe mai produrre un film come «Parasite». Questo è l'artigianato coreano. L'industria cinematografica di Los Angeles vuole esattamente questo: il più grande pubblico possibile, in Cina, in Russia, nel mondo intero. Vogliono che tutti amino i film, ecco perché fanno così tanta merda.

«Film d'intrattenimento», come ha detto il regista Martin Scorsese a proposito della Marvel.

Fanculo la Marvel. Ero un grande fan della Marvel da piccolo, sono cresciuto con i supereroi! Ero così eccitato per i film quando sono stati annunciati per la prima volta. Ma i supereroi Marvel sono diventati uno strumento di propaganda del patriottismo americano. Siamo i migliori! All'inizio i film erano ancora buoni, non fraintendetemi. L'eroe salva il mondo. E ora non basta, ha bisogno di aiuto e coinvolge il popolo, e sventolano la bandiera statunitense. È semplicemente orribile. È una manipolazione.

DC fa un lavoro migliore. Per esempio, con la trilogia di Batman.

Oh sì, «Batman» era fantastico. Anche «X-Men» in realtà, ma vogliono solo mungere il franchise e ci sono sempre più film in uscita che stanno diminuendo in qualità.

A causa del tuo lavoro, naturalmente, viaggi molto...

Sì, ho finito di girare il mio ultimo progetto a Los Angeles il giorno prima di partire per la Svizzera.

Sembra stressante. Il tuo lavoro ti appaga?

Penso che gli attori facciano sognare la gente. È anche bello incontrare una nuova famiglia con ogni nuovo progetto. Tutta la troupe del film fa sì che questi sogni diventino realtà.

E oltre a questo, si impara molto sulle persone in questo settore. A causa dei diversi ruoli, si può entrare in empatia con altre persone più facilmente. Tolleranza è la parola chiave.

È per questo che è più facile interpretare qualcuno lontano dalla propria personalità?

Sicuramente. Altrimenti ci si mette subito sulla difensiva. Se ottengo un ruolo che è molto vicino alla mia vera personalità, il mio ego prende rapidamente il sopravvento. Forse il personaggio ha solo alcuni dei tuoi tratti, ma se ci fosse qualche critica alla recitazione, vuoi difenderlo a tutti i costi. Ritrarre un personaggio distante da te è molto più facile. Mi piacciono molto i cattivi. Una volta che hanno una ragione per il loro comportamento, sono dei bei personaggi.

Cosa c'è all'orizzonte per Carlos Leal?

Ho appena finito un sacco di progetti, quindi avrò alcune audizioni a Los Angeles. Non vedo l'ora di godermi l'estate con la mia famiglia. E forse mi concentrerò di più sulla fotografia! Inoltre, sono impaziente di vedere Ana de Armas come Bond girl! È una buona amica e non vedo l'ora.