Amber Heard e i lividi: nuove prove scagionano Johnny Depp

CoverMedia

22.6.2020 - 16:34

Amber Heard 
Source: Faye's Vision/Cover Images

Secondo la testimonianza del capo concierge, la donna si sarebbe procurata i segni del pestaggio quando l'attore era via per lavoro.

Nuovi sviluppi sull’amaro divorzio tra Amber Heard e Johnny Depp.

Secondo una testimonianza, l’attrice è stata avvistata con i famigerati lividi sul collo mentre il suo ex marito era fuori dal paese.

Secondo il Mirror Daily, Trinity Esparza - capo concierge nell'edificio della East Columbia di Los Angeles dove Depp possiede più unità - ha notato i famigerati segni sul collo della Heard, ben due settimane dopo che Depp le avrebbe lanciato il telefono.

Sebbene in precedenza la Heard abbia affermato che il presunto assalto le aveva ferito il lato destro del viso, la Esparza afferma ora di aver visto un segno sul lato sinistro del volto della donna. Aggiungendo di aver visto il livido sulla guancia di Amber e due dita attorno al collo nel mese di giugno: due settimane dopo il presunto incidente con il telefono avvenuto il 21 maggio.

«Lasciò cadere le chiavi lungo lo scivolo dell’ascensore», afferma Trinity Esparza spiegando come vide i segni sulla Heard. «Aveva lividi sul collo e un cerotto».

La capo concierge afferma inoltre che l'attore 57enne non era nemmeno nel paese quando la Heard è stata ferita.

Il legale di Depp, Adam Waldman, afferma che la deposizione scagiona il suo cliente dalle accuse di molestie.

«Alla fine i lividi inflitti a Amber Heard sulla gola, il braccio suo bendato e un occhio sinistro contuso risalgono a giugno 2016», ha dichiarato Adam Waldman al Mirror.

«Sappiamo anche che non è stato Johnny Depp, che era in tournée e fuori dal paese per (due) settimane».

Il team legale di Depp userà le nuove prove anche nella causa per diffamazione contro i capi della casa editrice News UK, per un articolo stampato da The Sun. L'attore ha citato in giudizio l'editore dopo che i redattori del quotidiano britannico l'hanno etichettato «wife-beater» (picchiatore di moglie, ndr) in un articolo del 2018.

Tornare alla home page

CoverMedia