Cesare Cremonini: accusato di battuta xenofoba e razzista a “EPCC”

CoverMedia

26.6.2020 - 13:09

Source: Covermedia

L'intervista dall'ex cantante dei Lunapop a Alessandro Cattelan ha fatto il giro del web per uno sgradevole commento rilasciato sulla sua colf moldava.

L’ultima intervista di Cesare Cremonini a “EPCC” ha lasciato a molti l’amaro in bocca.

Il 25 luglio, il cantante emiliano è stato ospite di Alessandro Cattelan dove tra gli argomenti affrontati ha parlato della sua colf moldava, che secondo Cesare merita di essere ribattezzata con un nome appropriato «in onore» della sua terra. Affermazione xenofoba e razzista che ha indignato i social ed è schizzato in vetta ai trend di Twitter.

«Ho pensato alla mia donna delle pulizie che si chiama Emilia», ha esordito Cesare Cremonini parlando con Alessandro Cattelan.

«Non è vero non si chiama Emilia. Lei è moldava e io ho preteso, in onore della mia terra di chiamarla Emilia. Io voglio chiamare anche mia figlia Emilia. Ognuno dovrebbe chiamare le persone come crede, soprattutto le persone che entrano in casa tua. Sono pagate e quindi possono far cambiare il loro nome».

Fra i commenti postati su Twitter in seguito alle affermazioni del cantante, sono arrivate considerazioni fra cui: «Cremonini ha seriamente detto che se paga una persona la può chiamare come vuole? Che schifo», scrive un utente. E ancora: «La gente non ha ancora capito che si compra la prestazione lavorativa non l'essere umano che la svolge».

Tornare alla home page

CoverMedia