Cinema - FIFF

FIFF: alla ricerca di sogni e utopie in mezzo all'apocalisse

zm, ats

23.3.2022 - 15:02

Fuggire in mondi immaginari mentre i condizionatori d'aria cadono dalle case: una scena tratta dal film angolano "Ar Condicionado".
Keystone

Quest'anno il Festival International du Film de Fribourg (FIFF) dedica uno spazio speciale al cinema post-apocalittico. In tutto ciò, dove sono sogni e utopie? Ricerca nel programma e sondaggio fra i cineasti, da Luanda a Zurigo.

zm, ats

23.3.2022 - 15:02

Ovunque ci si volta a guardare, il mondo sta per finire. L'edizione 2022 del FIFF sembra presentare l'apocalisse ovunque. Una sezione è specificamente dedicata al cinema post-apocalittico. Questa mostra film dagli anni '50 a oggi, tra cui il thriller fantascientifico «Tides» del regista svizzero Tim Fehlbaum.

Ci sono poi film come «Neptune Frost» che osano ribellarsi al male e al pessimismo generale. Questo musical cyber-rivoluzionario con un cast ruandese-burundiano sovrastimola deliberatamente i nostri neuroni. Qui viene raccontata una specie di storia d'amore, ma in modo piuttosto pixelato. Il ruolo principale è giocato dalla critica fondamentale che i creatori Saul Williams e Anisia Uzeyman fanno riguardo al commercio globale di merci, alle dittature e alla violenza contro le persone non binarie, al capitalismo tecnologico.

Visivamente, la coppia di artisti sfoggia un registro elettrizzante e eccentrico. In «Neptune Frost», il pubblico è lentamente immerso in un mondo migliore colorato al neon – prima che venga distrutto. E i ribelli fanno rima con il vento della giungla: «Solution: none! Conclusion: war!». L'utopia è durata poco, ma almeno c'era.

Altri contributi al FIFF contrastano con il programma apocalittico del festival, che offre una piattaforma al cinema attuale dell'Asia, dell'Africa, del Sud America e dell'Europa dell'Est. Per esempio, nella poetica fiaba quotidiana «Ar Condicionado» dall'Angola o nel documentario «Esther» su una giovane femminista della Svizzera centrale.

Quali speranze, desideri e visioni per il futuro portano gli artisti invitati a Friburgo? Keystone-ATS lo ha chiesto a quattro di loro.

Ana Scheu Amigo, 26, regista, Zurigo:

«All'inizio volevo fare l'etnologa. Ma spero di fare più differenza in qualità di regista. Alla scuola di cinema siamo stati influenzati da tre movimenti politici: lo sciopero delle donne, il Black Lives Matter e le proteste sul clima. Il mio film di laurea 'Esther' mostra il confronto tra gli ideali urbani e femministi di una mia amica e le idee cattoliche conservatrici dei suoi genitori. Alcune scene durante le riprese nella fattoria del Canton Nidvaldo sono state molto emozionanti, anche per noi dietro la telecamera. Per Esther e la sua famiglia, il film ha dato inizio ad un cambiamento. Ora si sente più ascoltata».

«Esther» (sezione «Foreign Visa Award")

Jorge Cohen, 35 anni, produttore del collettivo Geração 80 di Luanda, curatore della sezione «Nouveau territoire: Angola», membro della giuria nel concorso internazionale lungometraggi:

«La prima cosa che ho sentito nel corso di un'intervista qui al FIFF è stata: se si digita 'cinema angolano' su Google, compare 'mancanza di fondi'. Mi piacerebbe che la prossima volta dicesse: «Il cinema angolano è vivo ed entusiasmante!». Nel nostro nuovo film 'Ar Condicionado', i condizionatori d'aria cadono misteriosamente dalle case di Luanda, una città di 7 milioni di persone. Nessuno sa come risolvere il problema. Alcuni residenti e lavoratori dell'edificio dove stavamo filmando continuano la loro routine. Altri, come il vecchio custode, si rifugiano nei loro mondi immaginari. C'è una linea sottile tra finzione e realtà, solo i personaggi principali sono attori. Per molti, i ricordi della lunga guerra civile dell'Angola sono ancora molto presenti. La società frammentata deve imparare a vivere di nuovo unita. I miei mezzi per fare questo sono i film, spero che suscitino interesse nello scambio o addirittura nella cooperazione tra gli ospiti del festival. Venite a visitare la nostra città, il nostro studio».

«Ar Condicionado» (sezione «Nouveau territoire: Angola")

Marion Savoy, 34, fotografa, Canton Vaud:

«Come fotografa, cerco spesso di catturare momenti ottimistici e umani. Quando ho fotografato gli afghani a Friburgo per una mostra al FIFF, ho riscontrato molta empatia e la volontà di guardare avanti. Per esempio nel caso del 24enne Farid, che ha trovato una famiglia ospitante attraverso l'organizzazione ParMi. Nel testo che accompagna le foto scrive che è felice qui ma al contempo triste perché gli manca la famiglia che ha lasciato. Molte delle persone ritratte, sebbene vivano, lavorino e si siano integrate in Svizzera da anni, hanno ancora solo un permesso F per 'stranieri temporaneamente ammessi'. La loro utopia è quella di sentirsi pienamente accolti e riconosciuti come persone, e non vivere più con questa incertezza giuridica».

Esposizione presso l'Ancienne Gare di Friburgo, visibile fino al 20 aprile.

Granaz Moussavi, 48, regista di Teheran in esilio in Australia:

«Sono alla ricerca di storie non raccontate. Il fulcro di 'When Pomegranates Howl' è riposto nei bambini con le loro speranze e i loro sogni di poter creare un mondo migliore in futuro. Le scene di civili uccisi accidentalmente dai bombardamenti sono basate su eventi veri. È un film contro la guerra che porta sul grande schermo narrazioni e personaggi locali, spesso trascurati a livello internazionale, che ho incontrato viaggiando per il paese».

«When Pomegranates Howl» (sezione «Concorso internazionale lungometraggi")

zm, ats