Katie Holmes al cinema nello scandalo Watergate: sarà Jill Wine-Banks

Covermedia

23.3.2021 - 13:05

Katie Holmes

L’attrice ha acquisito i diritti cinematografici dell'autobiografia dell’unica donna nominata procuratore speciale nello scandalo politico che portò alle dimissioni di Richard Nixon.

Covermedia

23.3.2021 - 13:05

Katie Holmes si è assicurata i diritti del libro «The Watergate Girl: My Fight For Truth and Justice Against A Criminal President», uscito lo scorso anno in libreria.

L’attrice si calerà nei panni di Jill Wine-Banks, l’unica donna nominata procuratore speciale nello scandalo politico denominato Watergate, scoppiato negli Stati Uniti nel 1972, a seguito di alcune intercettazioni illegali che portarono alla richiesta di impeachment e alle dimissioni di Richard Nixon.

La Wine-Banks ha subito diverse ripercussioni ed è stata vittima di intrusi che hanno svaligiato la sua casa, intercettato i suoi telefoni e frugato nella spazzatura.

Ha anche dovuto affrontare il sessismo quotidiano e altri problemi, mentre cercava di salvare il suo matrimonio.

«Sono entusiasta di lavorare con Katie Holmes e sono onorata di condividere sul grande schermo la mia esperienza come unica donna del team che ha lavorato al processo Watergate. Nonostante si sia svolta quasi 50 anni fa, la storia della nostra indagine e del processo rimane coinvolgente e rilevante rispetto agli eventi attuali», ha dichiarato la Wine-Banks.

«Il sessimo che ho subito, ancora oggi ha delle ripercussioni. Spero che questo film dia il via a un maggior dialogo sulle sfide che le donne professioniste stanno ancora affrontando».

Anche Katie ha voluto esprimere il suo pensiero sul ruolo della Wine-Banks nella delicata questione politica.

«Sono stata attratta da questa storia perché è rilevante oggi come lo era allora. Le donne cercano costantemente di superare i imiti in ambienti di lavoro prettamente maschili e questa donna da sola ha contribuito a rimodellare il processo Watergate. Sono costantemente ispirata da queste forti protagoniste femminili, ed è un mondo che vorrò sempre esplorare».

Covermedia