Liu Bolin, il camaleonte dell'arte

ANSA

1.3.2018 - 16:36

Al Vittoriano prima antologica dedicata a maestro del camouflage

ROMA, 01 MAR - Si immerge nelle cose e scompare, cambia colore e si mimetizza come un camaleonte, entra a far parte dell'ambiente circostante usando il corpo come strumento di conoscenza: arriva a Roma "The invisible man" Liu Bolin, protagonista della prima grande antologica in Italia allestita al Complesso del Vittoriano dal 2/3 al 1/7. Curata da Raffaele Gavarro, la mostra presenta l'intera storia dell'artista cinese, celebre per la capacità di restare immobile come una statua e mimetizzarsi in ciò che ha intorno grazie a un accuratissimo body painting. Il percorso di snoda lungo 72 opere che documentano la nascita e lo sviluppo di quel linguaggio personalissimo, frutto di un mix di pittura e fotografia ma anche di performance e installazioni, che rende Bolin del tutto originale. Tra le immagini, quelle realizzate in Cina, da Piazza Tienanmen alla Grande Muraglia, e quelle dedicate all'Italia, dove l'artista si è misurato con il nostro patrimonio, dal Colosseo al Canal Grande di Venezia alla Scala di Milano.

Tornare alla home page

ANSA