Lutto nel mondo della musica: è morto Pau Donés, cantante degli Jarabe De Palo

CoverMedia

9.6.2020 - 13:10

Pau Dones promotes his new album '50 PALO' in Madrid Featuring: Pau Dones Where: Madrid, Spain When: 07 Mar 2017 Credit: Oscar Gonzalez/WENN.com
Source: Oscar Gonzalez/WENN.com

L'artista si è spento all’età di 53 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro: con la band spagnola ha firmato successi come «La Flaca» e «Depende».

Il mondo della musica piange Pau Donés, il frontman della band spagnola degli Jarabe De Palo.

Il cantante si è spento a Barcellona all’età di 53 anni dopo una lunga lotta contro il cancro.

A dare l’annuncio è stata la famiglia con una nota: «Vogliamo ringraziare l’equipe medica e tutto il personale dell’Ospedale de la Vall di Hébron, l’ospedale Sant Joan Despí Moisès Broggi, l’Istituto Catalano di Oncologia e tutti per il lavoro e la dedizione in tutto questo tempo. Chiediamo il massimo rispetto della privacy in questo momento difficile».

In un video postato su YouTube poche settimane fa, Pau aveva promesso di voler tornare a cantare. «Torno per incontrare la mia gente e restare per sempre qua. Torno, perché la musica è tornata di nuovo nella mia testa. Torno, perché è tempo di condividere ancora i nostri sentimenti, torno perché tornare su un palco è la sola cosa a cui penso, torno per essere quello che ho sempre voluto essere».

Le sue condizioni di salute, evidentemente, si sono aggravate negli ultimi giorni.

Con gli Jarabe de Palo, Pau ha firmato successi come «La Flaca» e «Depende» e collaborato con artisti italiani come Jovanotti e i Modà.

Lorenzo lo ha ricordato così: «Ho appena saputo della morte di Pau Dones, è una notizia tremenda, ci eravamo scritti 3 giorni fa e come al solito era lui a rassicurare me. Mi mancherai tantissimo amico e maestro #pau @jarabeoficial niente cancellerà i momenti bellissimi vissuti insieme, la bella musica, le mangiate e le bevute, le chiacchierate infinite, la forza che ci siamo dati reciprocamente. Conoscerti ed esserti amico è stato un grande regalo. Dove sei ora? Mi è difficile crederci».

Tornare alla home page

CoverMedia