Michele Morrone: «La bellezza da sola non basta»

CoverMedia

15.12.2017 - 11:12

Covermedia

L'interprete di Ares si è calato perfettamente nella parte del tritone in sintonia con il cast di consumati attori televisivi.

Michele Morrone con la sua performance in «Sirene» ha conquistato il piccolo schermo.

L'affascinante attore è sicuramente uno dei volti più freschi del piccolo schermo, ma prima di accaparrarsi il ruolo principale nella fiction Rai, accanto a Maria Pia Calzone, ha già lavorato in serie TV acclamate come «Che dio ci aiuti 3»,«Come un delfino 2», «Provaci ancora prof 6» e «Squadra antimafia 6», e nel programma Ballando con le stelle.

Per conquistare Sirene e audience è stato fondamentale un curriculum coi fiocchi, ma senza dubbio essere belli ha i suoi vantaggi.

«A me ha aiutato, non lo nego, però di belli ce ne sono tanti: se non hai un tuo colore e una tua personalità non emergi. Alessandro Borghi, Stefano Accorsi e Claudio Santamaria, i tre attori che stimo di più, lo hanno dimostrato. La bellezza è un dono, ma di sicuro da solo non basta, neanche ai tritoni», ha dichiarato Michele Morrone a Grazia, aggiungendo però di essere piuttosto diverso dal volubile Ares: «Abbiamo la stessa bontà d’animo, ma io sono meno gigione e bambino. Mi ha aiutato molto, nella mia crescita personale, diventare padre. Prima ero uno spregiudicato».

Sposato da sei anni con la stilista libanese Rouba Saadeh, Morrone è padre di due figli, Marcus e Brando.

Tornare alla home page

CoverMedia