Nella Martinetti, una vita tra grandezza e fragilità

Di Gabriella Baumann-von Arx

29.7.2021

Nella Martinetti è stata per decenni una delle grandi intrattenitrici svizzere, popolare e apprezzata in molti luoghi. Il 29 luglio di 10 anni fa moriva all'età di 65 anni. Ecco un tributo.

Di Gabriella Baumann-von Arx

29.7.2021

«Potresti immaginare di scrivere un libro su Nella Martinetti?». La domanda proveniva dall'ex casa editrice germanofona Zytglogge. Sono rimasta un po' spiazzata: scrivere un libro? Potrei farlo? Evidentemente pensavano che potessi farlo.

E non ho detto di no.

Sapevo che dopo l'unica notte in cui ci avrei dormito su, non avrei rinunciato alla possibilità di conoscere meglio questa brillante personalità. Ed è stata la giusta decisione, perché ho conosciuto una donna mille volte più complessa dell'artista che Nella mostrava al suo pubblico.

Gabriella Baumann-von Arx
Gabriella Baumann-von Arx
ZvP

Gabriella Baumann-von Arx è un'editrice. Deve la sua professione al fatto che all'epoca ha effettivamente scritto il libro su Nella Martinetti (edito solo in tedesco, ora fuori catalogo, e non tradotto in italiano), rapidamente seguito da un secondo, quello su Evelyne Binsack, la prima donna svizzera sul monte Everest. Poi ha scritto il suo primo libro su Lotti Latrous, la donna svizzera dell'anno 2004. E poiché il suo editore di allora non voleva un seguito del libro sull'operatrice umanitaria, ha fondato la sua casa editrice, la Wörterseh.

Le conversazioni che ho avuto con lei erano sfumate. Sapeva esattamente che stava recitando un ruolo in pubblico. E sapeva anche quanto bene lo stesse facendo.

L'altra Nella

È stato un regalo che mi ha fatto vedere l'altra Nella e dalla Svizzera tedesca mi ha portato alle sue radici, in Ticino. Ero lì con lei nel giardino davanti alla casa dove era cresciuta.

Lì, l'ho vista sorridere e puntare il dito verso una delle tante finestre.

Lì, l'ho sentita dire che si era seduta su quel muretto da adolescente, suonando la chitarra e cantando.

Momento magico

Poco dopo, mi ha mostrato la chiesa del villaggio. Era vuota. Mi sono seduta in uno dei banchi centrali. Nella si diresse verso l'altare, si mise in posa, fece un respiro profondo e chiuse gli occhi. Poi allargò le braccia. E poi, poi fece esplodere - non posso raccontarlo con altre parole - l'Ave Maria dall'altra parte dell'edificio. La sua voce riempì interamente la grande casa di Dio.

Il ricordo di quel momento magico mi fa venire la pelle d'oca ancora oggi.

«Perché» ho chiesto, «ti piace il folk e non l'opera?». Lei sorrise e disse: «Mi sopravvaluti enormemente». Ma non l'ho fatto. Si è sottovalutata lei. E così facendo, il suo potenziale. Ed è forse proprio questo che la rendeva così grandiosa e così fragile allo stesso tempo. E sì, è stata ferita troppo spesso.

La sua roccia era Marianne, la donna che aveva sposato prima di morire. Così ha fatto qualcosa che le ha permesso di andarsene felice.