Concerti in Svizzera

Gianna Nannini: «Non vorrei avere una madre famosa come me»

Di Carlotta Henggeler

1.12.2022

Gianna Nannini si esibirà a Zurigo e a Ginevra. Per tenersi in forma la cantante sienese fa Triathlon. 
Gianna Nannini si esibirà a Zurigo e a Ginevra. Per tenersi in forma la cantante sienese fa Triathlon. 
Corbis via Getty Images

Gianna Nannini arriva in Svizzera con due concerti. A blue News parla della sua scandalosa copertina «America» con la Statua della Libertà completa di dildo e della sua vita di madre e rockstar.

Di Carlotta Henggeler

1.12.2022

Con i capelli appena lavati e scompigliati, Gianna Nannini siede davanti al suo computer portatile. Quando blue News raggiunge la rockstar italiana, lei si trova a Londra per lavorare al suo nuovo album. Per molti anni ha fatto produrre i suoi dischi in Inghilterra, gli inglesi sono all'avanguardia in termini di tecnologia quando si tratta di produzione di album, dice la Nannini. Presto andrà in tournée.

Gianna, ti vedremo presto dal vivo a Zurigo (1.12) e a Ginevra (2.12). Cosa ti lega alla Svizzera?

Da bambina i miei genitori mi portavano in Svizzera a sciare. Ho fatto anche alpinismo sul Corvatsch e su altre cime. Lo associo anche alle bellissime decorazioni floreali alle finestre.

Come ti mantieni in forma per il palco?

Faccio triathlon, ho anche partecipato a una gara. Per affrontare un concerto dal punto di vista vocale, è necessario respirare correttamente. Quando si allena il triathlon, si lavora anche con la respirazione. Questa è la mia medicina.

Hai partecipato a un concorso, com'è andata?

Ho vinto!

Complimenti!

Sì, ma devo dire che ho gareggiato da sola nella mia categoria. A Barcellona ho fatto un super sprint. Poi ho detto alla mia assistente che avevo vinto – e solo dopo un mese le ho detto che ero sola nella mia categoria. È stato molto divertente! Al momento mi sto allenando per uno sprint per il prossimo anno. Forse verrò in Svizzera per un triathlon, ma lì fa molto freddo e ho paura del lago di Zurigo.

Uno dei tuoi maggiori successi si chiama «America» e si può ascoltare sul album «California» del 1979. Sulla copertina dell'album, la Statua della Libertà è in trono e tiene in mano un vibratore. Questo ha provocato molte polemiche.

«America» parla di masturbazione, di sottomissione delle donne e del fatto che la gente guarda sempre all'America e vi trova tutto più bello, la musica e i film.

Ma la copertina era già stata pensata come una provocazione?

Ho sempre disegnato le copertine dei dischi durante la produzione dei miei album. Innanzitutto, devono riflettere le mie emozioni in quel momento. Ma sì, «America» era una provocazione, riguarda la sottomissione dell'Italia dopo il Patto Atlantico, che esiste ancora. Allo stesso tempo, non dobbiamo assolutamente orientarci all'America e alla sua cultura. Abbiamo una nostra filosofia musicale, un nostro rock and blues.

Presto sarai sul palco in Svizzera. Hai un rituale prima di iniziare?

Faccio sempre qualche minuto di Qigong per concentrarmi (una disciplina originaria della Cina che prevede l'esecuzione di esercizi fisici associati al controllo del respiro e della mente, ndr.).

Tua figlia verrà in tournée? Penelope ha dodici anni.

No, rimane a casa. È grande e deve andare a scuola. All'inizio trovava la vita da tournée piacevole, con l'auto che la porta in giro e la possibilità di mangiare fuori. Ma dopo un po' si stanca. Inoltre, voglio che viva la sua vita.

La vita con una madre famosa.

Sì, non vorrei una madre famosa come me. Mi assicuro che quello che faccio non sia importante per lei. Non voglio una figlia troppo attaccata a me. Quando era più piccola e la gente voleva sempre farsi un selfie con me, lei si aggrappava alle mie gambe e piangeva e diceva: «Quella è mia madre tutta sola». Oggi è lei a scattarci i selfie.

Penelope ha una canzone preferita?

Le piace Taylor Swift, anch'io sono una sua fan. Ma gli idoli? Sua madre è il suo idolo (ride).

Gianna, quale canzone è perfetta ai tuoi occhi?

«My Way» di Sid Vicous. Non suona così bene tradotta in italiano. Peccato.

Gianna Nannini live: il 1° dicembre all'Hallenstadion di Zurigo, e il 2 dicembre al Théâtre du Léman a Ginevra. Tutte le informazioni le trovi qui