Normani Kordei: razzismo nelle Fifth Harmony

11.1.2019 - 16:34, CoverMedia

Source: Covermedia

L’ex cantante della girlband condivide uno dei lati oscuri della fama.

Durante il tempo trascorso insieme alle Fifth Harmony, Normani Kordei si è sentita discriminata per via del colore della sua pelle. Fino allo scorso marzo la star di «Love Lies» faceva parte della girlband insieme alle colleghe Dinah Jane, Lauren Jauregui, Ally Brooke (e Camila Cabello fino all’anno prima), ma non ha mai realmente sentito di appartenere al gruppo come le altre ragazze.

«Era una cosa subconscia», racconta Normani al magazine Billboard. «Però pensi: “Perché sono la meno seguita del gruppo?”. E ti butta giù dal punto di vista dell’autostima. Ti preoccupi, pensi sia colpa tua. Ti chiedi: “È perché sono nera? O perché non ho abbastanza talento?”».

Pur avendo un buon rapporto di amicizia con le sue compagne, la 22enne non ha mai sentito di aver formato un legame indissolubile.

«Non credo che potessero fare tanto al riguardo, semplicemente perché la mia esperienza non era come la loro», spiega la giovane cantante. «Posso dire che hanno provato a starmi vicino nei momenti di bisogno, ma allo stesso tempo… non vivevano le cose nello stesso modo in cui le vivevo io».

Ora che ha lanciato una carriera da solista, la star spera che le cose vadano meglio.

«C'è così tanto che vorrei condividere», dice della sua nuova musica. «E da donna di colore ho una grande responsabilità. Sono una delle poche che può cambiare le cose… perché anche nel mondo della musica commerciale, non siamo in tante».

Nel frattempo è uscito anche il suo nuovo singolo in collaborazione con Sam Smith, intitolato «Dancing With A Stranger».

Curiosità da star

Tornare alla home page

Altri articoli