«115 milioni a fondo perso per le società sportive»

SWISS TXT - La redazione

18.11.2020

Lo sport potrà contare su fondi extra.
Keystone

Viola Amherd ha presentato nuove misure per aiutare le società sportive svizzere in questo periodo di crisi provocato dal coronavirus.

La consigliera federale Viola Amherd ha annunciato a Berna che 115 dei 175 milioni stanziati quali prestiti senza interesse ai club professionistici saranno concessi a fondo perso.

Lo scopo è coprire i due terzi delle mancate entrate provenienti dai biglietti, sulla base delle medie spettatori di ogni squadra nel 2018-19. Entrano in considerazione le partite dal 28 ottobre fino alla fine del divieto di pubblico.

Le società dovranno però rendere noti i salari, ridurre quelli eccessivi, promuovere lo sport giovanile e femminile, rendicontare l'uso dei soldi e non potranno versare dividendi per 5 anni.

La consigliera federale Viola Amherd alla conferenza stampa tenutasi a Berna mercoledì pomeriggio.
Keystone

«Le squadre dovranno ridurre gli stipendi più onerosi»

Ecco come Viola Amherd ha giustificato il nuovo pacchetto economico messo a disposizione alle società sportive professionistiche e semi professionistiche: «A causa del numero dei casi di contagi in aumento, il 28 ottobre abbiamo dovuto limitare al massimo a 50 persone gli assembramenti, ciò che ha significato partite a porte chiuse per le leghe professionistiche. Questo ha tolto alle società la fonte di entrata principale e se questa situazione dovesse durare a lungo c'è in ballo la loro sopravvivenza ma anche quello delle loro strutture. Noi dobbiamo essere preoccupati perché potrebbero venire a mancare queste strutture per le nuove leve, non adesso ma in futuro».

«I prestiti non bastavano - ha spiegato la consigliera federale - così abbiamo deciso di dare contributi pure a fondo perso. Dei 175 milioni di franchi stanziati, 115 milioni al massimo potranno essere concessi a fondo perso, gli altri 65 saranno prestiti senza interesse per chi dovesse avere bisogno di ulteriore sostegno».

«Si tratta di denaro dei contribuenti e deve essere gestito in maniera oculata con condizioni molto severe - ha tenuto a precisare Viola Amherd - le squadre dovranno ridurre del 20 per cento i salari eccessivi e dovranno garantire la massima trasparenza sull'utilizzo dei fondi».

Tornare alla home pageTorna agli sport