Chi sarà il nuovo allenatore del Lugano?

bfi - fon

17.9.2021

Bernard Challandes potrebbe prendere il timone del FC Lugano.
Keystone

Chi sarà il prossimo allenatore del FC Lugano? Dopo la decisione della nuova dirigenza di separarsi con effetto immediato del brasiliano Abel Braga i bianconeri sono alla ricerca di un nuovo timoniere, noi ci siamo permessi di fare qualche nome...

bfi - fon

17.9.2021

Chi sceglieresti come nuovo allenatore del FC Lugano?

Abel Braga non ha avuto vita lunga a Lugano, purtroppo per il brasiliano, i vari avvicendamenti societari lo hanno gettato in un progetto scaduto troppo presto. 

La nuova società, diretta da Martin Blaser e di appartenenza dello statunitense Joe Mansueto, alcune settimane fa aveva deciso di non voler procedere con il tecnico brasiliano che non aveva certo sfigurato.

Si è così aperta la caccia al nuovo allenatore dei bianconeri, il primo della nuova era, colui che dovrebbe portare la formazione ticinese in cima al calcio svizzero.

Il suo nome dovrebbe essere rivelato a giorni, noi della redazione nel frattempo, abbiamo tentato di individuare i possibili candidati, alcuni anche azzardati.

Raphael Wicky

FCB-Cheftrainer Raphael Wicky bei der Saisonvorschau-Medienkonferenz des FC Basel Stadion St. Jakob in Basel, am Mittwoch, 18. Juli 2018. (KEYSTONE/Georgios Kefalas)
Raphael Wicky venendo a Lugano rimarrebbe in seno alla stessa società
KEYSTONE

Wicky, ex allenatore del Basilea e oggi coach dei Chicago Fire conosce il calcio svizzero e anche quello europeo. Il suo attuale datore di lavoro - i Fire sono di proprietà di Joe Mansueto - è lo stesso proprietario del Lugano e questo aspetto, potrebbe rendere semplice una transizione interna. Il calcio europeo è tutt'ora il sogno di qualsiasi uomo di calcio, e pensare di arrivare in una competizione continentale con il Lugano potrebbe stuzzicare gli appetiti dell'ex giocatore di Sion, Amburgo, Atletico Madrid e Werder Brema. Non da ultimo, Wicky è molto legato alla sua famiglia d'origine: a luglio il 44enne ha dovuto volare d'urgenza in Svizzera per stare accanto al padre che ha dei problemi di salute e dunque, tornare in Svizzera, potrebbe riassicurare entrambi.

Bernard Challandes

epa09450433 Kosovo's head coach Bernard Challandes gestures during the FIFA World Cup 2022 qualifying soccer match between Kosovo and Greece in Pristina, Kosovo, 05 September 2021. EPA/VALDRIN XHEMAJ
Bernard Challandes a 70 anni potrebbe voler ritornare in Svizzera in seno ad un club ambizioso
KEYSTONE

Il 70enne Challandes ha lasciato la Svizzera nel 2013 dopo aver allenato Young Boys, Sion , Neuchâtel, Thun e Zurigo, dopo di che ha preso le redini della nazionale armena prima, e quella kossovara, nel 2018. Challandes sembra abbia tentato di tornare in Svizzera candidandosi per la posizione di ct della Nazionale - ruolo ricoperto ora da Murat Yakin - e dunque quale più ghiotta opportunità di far rientro? Lugano è oggi un club ambizioso che ha bisogno di un uomo d'esperienza e dal grande carisma.

Vladimir Petkovic

Bordeaux's head coach Vladimir Petkovic gives instructions during the French League One soccer match between Marseille and Bordeaux at the Velodrome stadium in Marseille, southern France, Sunday, Aug. 15, 2021. (AP Photo/Daniel Cole)
Vladimir Petkovic, inizio difficile sulla panchina dei girondini
KEYSTONE

Ha lasciato la Nazionale per il Bordeaux, cercando di nuovo il piacere di allenare un club. Dopo cinque partite langue all'ultimo posto in classifica di Ligue1 dopo aver incassato tre sconfitte e due pareggi. Il richiamo del Ticino, lo spettro del licenziamento e la sfida con un club che mira in alto potrebbe farlo ritornare in Svizzera. Conosce bene il calcio nazionale, l'ambiente cantonale e inoltre, si porta con sé un carisma e un'esperienza che non può che piacere a chi sogna in grande. Lo strappo improvviso con la Nazionale è nato anche dal desiderio di ritrovare una routine giornaliera sul campo, che Lugano potrebbe offrire subito se i girondini dovessero davvero pensare di esonerarlo per mancanza di risultati. 

Mattia Croci-Torti

Lugano's coach Mattia Croci Torti gestures during the Super League soccer match FC Lugano against FC Basel 1896, at the Cornaredo stadium in Lugano, Sunday, September 12, 2021. (KEYSTONE/Ti-Press/Samuel Golay)
Mattia Croci Torti potrebbe essere una scelta di continuità e d'identità territoriale.
KEYSTONE

Chiasso, Mendrisio, Lugano, da giocatore prima, da allenatore dopo. Oggi, coadiuvato dall'esperto Carlo Ortelli, ha preso in mano il Lugano in attesa dell'annuncio del nuovo allenatore. La prima uscita in panchina contro il Basilea è stata un successo. La società potrebbe puntare su questo giovane allenatore, profondo conoscitore del calcio svizzero e del bacino giovanile del Cantone. Blaser e co. potrebbero dargli una possibilità, puntando maggiormente sull'identità territoriale della squadra, il che permetterebbe di spendere maggiormente per dei giocatori dall'alto profilo. Infine, a stagione già iniziata, Croci-Torti non avrebbe bisogno di essere introdotto, non si dovrebbero scialacquare energie in un processo di conoscenza reciproca. 

Andrea Pirlo

epa08894775 Juventus' coach Andrea Pirlo reacts during the Italian Serie A soccer match Parma Calcio vs Juventus FC at Ennio Tardini stadium in Parma, Italy, 19 December 2020. EPA/ELISABETTA BARACCHI
Andrea Pirlo, il professore in cerca di una panchina per rilanciarsi
KEYSTONE

È stato allontanato dalla Juventus dopo una sola stagione, non andata troppo male nonostante tutto. Dalla primavera ad una delle grandi del calcio mondiale è stato un gran salto, anche per un maestro come lui. Lugano, una bella città che parla italiano, potrebbe offrirgli un trampolino di lancio per ritornare nel giro, anche europeo. La pressione sarebbe sicuramente meno che a Torino, e poi, Pirlo conosce un poco il management a stelle e strisce grazie ai due anni di permanenza in MSL con i colori di New York. Un carattere il suo che potrebbe ben sposarsi con l'atteggiamento un po' meno latineggiante dell'attuale società bianconera. 

Paolo Tramezzani 

Der Trainer des FC Sion, Paolo Tramezzani beim Super League Meisterschaftsspiel zwischen dem FC Luzern und dem FC Sion vom Mittwoch, 22. Juli 2020 in Luzern. (KEYSTONE/Urs Flueeler)
Paolo Tramezzani, una storia ancora aperta con il Lugano
KEYSTONE

L'allenatore italiano ha lasciato un conto in sospeso con il Lugano, quando alla fine di una bellissima cavalcata terminò con il terzo posto in campionato e la conquista dell'accesso all'Europa League. Momentaneamente Tramezzani allena in Arabia Saudita, ma poter tornare in Europa è sempre accattivante per un allenatore di calcio. Inoltre, il progetto del nuovo Lugano potrebbe servirgli da trampolino per rilanciarsi sulle panchine del Vecchio Continente. Il 51enne emiliano sembra abbia mantenuto inoltre rapporti con il Ticino sportivo viste anche le recenti apparizioni negli studi televisivi della RSI.