Premio in beneficenza Jabeur in lacrime: «È molto dura vedere bambini morire»

fon

2.11.2023

Ons Jabeur devolverà parte del suo premio in denaro delle WTA Finals in favore dei bambini palestinesi.
Ons Jabeur devolverà parte del suo premio in denaro delle WTA Finals in favore dei bambini palestinesi.
IMAGO/USA TODAY Network

Mercoledì Ons Jabeur ha annunciato di voler donare una parte dei suoi guadagni delle WTA Finals di Cancun «per aiutare i bambini palestinesi», vittime innocenti e dimenticate del conflitto in atto tra Israele e Hamas.

fon

2.11.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Ons Jabeur si commuove dopo la vittoria a Cancun e annuncia la donazione di una parte del suo premio in denaro «per i bambini palestinesi».
  • Sul circuito Jabeur è soprannominata la «Ministra della felicità».
  • Dopo la sua prima vittoria alle WTA Finals, la tunisina ribadisce l'importanza del suo gesto caritatevole, cercando di dare valore alla sua vittoria anche fuori dal campo da tennis.

La tennista tunisina si è mostrata molto commossa dopo la sua prima vittoria alle WTA Finals di Cancun contro Marketa Vondrousova. «È molto duro vedere bambini, neonati, morire ogni giorno. Mi si spezza il cuore», ha detto Ons Jabeur mentre lottava contro le lacrime.

«Quindi ho deciso di donare una parte del mio premio in denaro per aiutare i bambini palestinesi», ha dichiarato la finalista del torneo di Wimbledon degli ultimi due anni durante l'intervista post partita avvenuta ancora sul campo.

«Sono soddisfatta per la vittoria, ma non sono felice per quello che sta succedendo nel mondo in questi giorni», ha proseguito l'attuale numero 7 del ranking WTA.

«Mi dispiace, so che dovremmo parlare di tennis, ma è frustrante vedere certe immagini ogni giorno. Non voglio mandare un messaggio politico, ma soltanto umanitario. Voglio la pace nel mondo», ha aggiunto la prima giocatrice africana e araba a raggiungere le vette del tennis professionistico.

Una carriera di primo piano

Sino a ora il miglior risultato di Ons Jabeur a un torneo del Grande Slam sono le due finali di Wimbledon e la finale degli US Open raggiunta nel 2022. Finora in carriera ha vinto cinque titoli WTA: il primo nel 2021 a Birmingham, mentre l'ultimo, il Ningbo Open, poche settimane fa in Cina. Tra l'altro, lo scorso mese di aprile aveva sconfitto in finale del Master 500 di Charleston proprio l'elvetica Belinda Bencic.

La tunisina è entrata nella Top 10 del ranking WTA nel 2021, e nel giugno di un anno dopo ha raggiunto la sua migliore posizione di sempre, ovvero è salita sul secondo gradino del podio.

La Ministra della felicità

Nel corso degli anni Jabeur, per merito del suo carattere solare e la sua capacità di entrare in contatto con i fan di tutto il mondo, ha ricevuto il simpatico appellativo di «Ministra della felicità». Prima il nome le era stato dato dai tifosi del suo paese, ma ben presto è diventato il suo soprannome ufficiale in tutto il mondo.

Anche nel 2022, dopo aver perso la finale di Wimbledon contro Elena Rybkina, la tunisina era stata interrogata sul suo curioso appellativo. «Come Ministro della Felicità, quando lascerai Londra, sarai felice? Quali saranno le tue emozioni?».

«Sono sempre felice - aveva risposto la tunisina - come diceva Bob Marley; "Non preoccuparti, sii felice". Ho dato davvero tutto in queste due settimane. È stato fantastico».

«Ho un sacco di bei ricordi qui, con il pubblico e con voi ragazzi. Naturalmente me ne andrò felice, con un sorriso, un grande sorriso, sempre. Per me il tennis è solo uno sport. La cosa più importante è che mi senta bene con me stessa», aveva affermato la Ministra della felicità.

«Far valere la vittoria al di là del tennis»

«Ho deciso di donare i miei premi in denaro per aiutare i bambini palestinesi», ha voluto ribadire Ons Jabeur sui social media, qualche ora dopo la partita vinta mercoledì.

La tunisina ha commentato così la propria intervista rilasciata all'Estadio Paradisus: «Questo è il mio tentativo di far valere questa vittoria al di là del campo da tennis».