Mercati azionari

Borsa svizzera: apre in ribasso nel giorno delle streghe

ats

17.12.2021 - 09:04

Gli operatori di borsa si preparano a una giornata movimentata.
Gli operatori di borsa si preparano a una giornata movimentata.
Keystone

Alle 09.05 l'indice dei valori guida SMI segnava 12'783,64 punti, in flessione dello 0,06% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,08% a 16'260,90 punti.

ats

17.12.2021 - 09:04

Il mercato guarda a Wall Street (Dow Jones -0,08% a 35'897,64 punti, Nasdaq -2,61% a 15'863,94 punti) e alle piazze asiatiche, a cominciare da Tokyo (Nikkei -1,79% a 28'545,69 punti).

L'euforia che aveva caratterizzato la seduta di ieri – la seconda migliore del 2021 per l'SMI, con un nuovo record – sembra aver lasciato il posto a una certa cautela. Dopo una giornata tutta dedicata alle decisioni delle banche centrali in primo piano tornano i temi dell'inflazione e dell'aumento dei contagi con la variante omicron del coronavirus.

Gli investitori si preparano anche ai movimenti che potrebbero derivare dal fatto che oggi è il «giorno delle streghe»: il terzo venerdì del terzo mese di ciascun trimestre scadono numerosi derivati, come futures e opzioni su indici e azioni, ciò che provoca spesso un aumento degli scambi e sbalzi non indifferenti.

In Svizzera tutti i titoli principali presentano variazioni frazionali: il meno ispirato appare UBS (-0,60%), mentre Geberit (+0,44%) è il valore che si difende meglio. Fra i due si muove anche Novartis (+0,34%), salita ieri del 6% sulla scia dell'annuncio di un programma di riacquisto di azioni per 15 miliardi di dollari.

ats