Catastrofi, 2020 sarà uno degli anni più cari per gli assicuratori

hm, ats

15.12.2020 - 16:01

Il 2020 sarà uno degli anni più cari per gli assicuratori sul fronte delle catastrofi, anche escludendo il coronavirus.

Le inondazioni provocano danni spaventosi.
Keystone

Terremoti, cicloni, tempeste, inondazioni, incendi di boschi e disastri causati dall'uomo sono stati all'origine di danni coperti dalle polizze per 83 miliardi di dollari, stando a uno studio di Swiss Re.

Si tratta del quinto importo più elevato dal 1970, sottolinea il gruppo riassicurativo elvetico in un comunicato odierno. L'anno scorso il dato era di 63 miliardi e la media degli ultimi dieci anni si attesta a 79 miliardi. In questi calcoli – fa notare la Reuters – non è compresa la pandemia di Covid-19, che comporterà per il settore ulteriori esborsi compresi fra 30 e 55 miliardi, stando agli analisti.

Tornando alle cifre di Swiss Re, complessivamente i danni delle catastrofi – compresi quelli non assicurati – sono ammontati a 187 miliardi. A perdere la vita sono state circa 8000 persone.

Importante, nell'anno che si appresta a finire, è stato l'impatto degli uragani: nell'Atlantico ne sono stati osservati 30, un numero record. Cinque di essi – altro primato – hanno interessato lo Stato americano della Louisiana. Tuttavia in generale le tempeste hanno colpito soprattutto le zone meno densamente popolate: questo spiega i danni relativamente bassi.

Per il futuro gli esperti di Swiss Re si aspettano una crescita dell'attività degli uragani, un incremento dovuto ai cambiamenti climatici. «Questo aumenta anche la probabilità che colpiscano la terraferma e causino gravi danni», afferma Martin Bertogg, responsabile dei rischi di catastrofe, citato nella nota.

Secondo la compagnia di riassicurazione la mutazione del clima renderà probabilmente più gravi anche gli eventi secondari. Aria più umida e temperature in aumento causeranno condizioni meteorologiche più estreme, che favoriranno il verificarsi e la diffusione di incendi boschivi, tempeste e inondazioni.

Tornare alla home page

hm, ats