Füglistaler: «Le FFS sottovalutano il potenziale del traffico merci interno»

ev, ats

20.9.2021 - 11:45

Peter Füglistaler, direttore dell'Ufficio federale dei trasporti (foto d'archivio)
Keystone

Secondo Peter Füglistaler, direttore dell'Ufficio federale dei trasporti, le FFS sottovalutano il potenziale del traffico merci interno. La Svizzera manca gli obiettivi di trasferimento se si limita al traffico di transito.

ev, ats

20.9.2021 - 11:45

Nel traffico internazionale nord-sud, la Svizzera ha investito in un'infrastruttura moderna con una ferrovia di pianura attraverso le Alpi per trasferire le merci dalla strada alla ferrovia, ha detto Füglistaler in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung.

Al contrario, il traffico merci interno è trascurato da 25 anni, ha aggiunto. Gli investimenti sono troppo bassi. Questo è deplorevole, soprattutto se si considera il potenziale che questo ambito rappresenta per la protezione del clima, ha aggiunto.

Secondo Füglistaler, la Svizzera non è riuscita a fornire una base solida per il traffico merci interno. È in ritardo nel confronto internazionale_ altri paesi, come la Germania e la Francia, promuovono in modo massiccio il trasporto nazionale di merci su rotaia, ha sottolineato il funzionario.

Necessità di obiettivi ambiziosi

Nel trasporto merci interno un mix intelligente è necessario. A medio termine, i camion dovrebbero essere in grado di circolare senza emettere CO2. Ma la congestione stradale rimarrà un problema, ha avvertito Füglistaler.

Oggi, il traffico di transito rappresenta solo il 40% circa. Più di mezzo milione di viaggi transalpini sono rappresentati dal traffico interno e dalle importazioni ed esportazioni.

Se la Svizzera si limita al traffico internazionale di transito, l'obiettivo di trasferimento non sarà mai raggiunto, secondo Füglistaler. Il potenziale nel trasporto merci nazionale è grande. Per questo si aspetta obiettivi ambiziosi e una maggiore convinzione da parte delle FFS per il trasporto merci.

ev, ats