Apertura tomba di Tutankhamon

100 anni fa Carter ruppe il sigillo e scoprì una «Superstar»

Di Johannes Sadek, dpa

26.11.2022

La mummia dell'antico re egiziano Tutankhamon  nella Valle dei Re
La mummia dell'antico re egiziano Tutankhamon nella Valle dei Re
dpa

A causa della mancanza di denaro, sarà la sua ultima spedizione, ma si rivelerà un successo enorme: il 26 novembre del 1922, l'archeologo britannico Howard Carter aprì la tomba del faraone Tutankhamon in Egitto.

Di Johannes Sadek, dpa

26.11.2022

Nei giorni che precedono la scoperta del secolo, tutto sembra svolgersi come al solito nella vita lavorativa di Howard Carter. «Lascio il Cairo per Luxor», annota l'archeologo britannico nel suo diario il 27 ottobre 1922. Durante il viaggio verso l'Alto Egitto, gli asini trasportano i suoi bagagli e lui paga gli stipendi ai vari assistenti.

Ma poco dopo, il 4 novembre 1922, nella Valle dei Re ci sarà la sensazionale scoperta che lo renderà famoso: «Scovati i primi gradini della tomba», scrive Carter quando i primi segni diventano visibili nella polvere. Il 26 novembre, proprio 100 anni fa, Carter entra finalmente per la prima volta nella tomba del faraone Tutankhamon.

Nel novembre 1922, l'archeologo Howard Carter (a sinistra) contatta il finanziatore del suo scavo sulla tomba di Tutankhamon: Lord Carnavon muore al Cairo il 5 aprile 1923. Ciò è dovuto alla maledizione del Faraone?
Nel novembre 1922, l'archeologo Howard Carter (a sinistra) contatta il finanziatore del suo scavo sulla tomba di Tutankhamon: Lord Carnavon muore al Cairo il 5 aprile 1923. Ciò è dovuto alla maledizione del Faraone?
Dominio pubblico

Circa tre settimane dopo, a lume di candela, viene finalmente svelata la camera sepolcrale con tutti i suoi tesori. La scoperta è considerata una pietra miliare dell'archeologia e probabilmente il reperto più famoso dell'antica civiltà egizia.

«L'aria calda faceva tremolare la candela, - scrive Carter - ma non appena gli occhi si abituarono al barlume di luce, l'interno della camera si profilò gradualmente davanti a noi, uno strano e glorioso miscuglio di oggetti straordinari e bellissimi ammassati l'uno sull'altro». La tomba con il numero di codice KV62 era spettacolare perché in gran parte intatta. I tesori erano sepolti e quindi erano sfuggiti ai tombaroli.

Scoperta dopo decenni di scavi

L'archeologia odierna può parlare di fortuna per il fatto che Lord Carnarvon, il finanziatore di Carter e colui che aveva acquisito i diritti di scavo dal governo egiziano, non abbia esaurito prima la pazienza. Infatti, cacciatori di tesori e archeologi scavavano nella Valle dei Re da decenni e, negli anni precedenti la grande scoperta, era maturata l'idea che l'area fosse lentamente pascolata.

Nel giugno 1922, Carter dovette appellarsi a Carnarvon e implorare i fondi per un'ultima stagione di scavi. 100 anni dopo, il clamore intorno al Re Bambino, probabilmente il più noto dei circa 170 faraoni dell'antico Egitto, continua senza sosta. Una mostra itinerante statunitense dei suoi manufatti negli anni Settanta ha attirato più di otto milioni di visitatori.

A Parigi, circa 1,4 milioni di persone hanno visitato la mostra di Tutankhamon nel 2019 ed è ad oggi la mostra più visitata di sempre in Francia. «King Tut» è anche la Superstar del Grande Museo Egizio (GEM), che dovrebbe essere inaugurato vicino alle piramidi di Giza nel 2023.

Un modello di Tutankhamon ricostruito nel 2005 da un team francese sulla base di immagini TC.
Un modello di Tutankhamon ricostruito nel 2005 da un team francese sulla base di immagini TC.
Keystone

Circostanze del decesso non chiarite in modo definitivo

Nel 1332 a.C., circa 3300 anni fa, Tutankhamon salì sul trono egiziano, all'età di nove anni, come uno degli ultimi re della XVIII dinastia. Secondo gli esperti, il suo più grande risultato prima di morire inaspettatamente dopo nove o dieci anni fu quello di allontanarsi dalle radicali riforme religiose del padre Akhenaton, che avevano destabilizzato il Paese.

Tut-anch-amun significa letteralmente «Immagine vivente di Amun» (Amun è considerato il re degli antichi dei).

L'entusiasmo non si ferma nemmeno oggi perché molti dettagli, così come la questione di possibili ulteriori camere sepolcrali, non sono stati ancora chiariti definitivamente. Le analisi del DNA hanno mostrato, ad esempio, che il faraone probabilmente soffrisse di malaria e della malattia ossea Morbus Köhler, forse perché figlio di un matrimonio incestuoso.

Queste scoperte sembravano confutare la teoria diffusa che Tutankhamon fosse stato assassinato. E se, come ipotizza l'egittologo statunitense Bob Brier dopo lunghe ricerche, il re bambino non fosse affatto un giovane fragile e malato, ma un guerriero? Ad esempio, nella tomba è stata trovata un'armatura di cuoio che potrebbe essere stata usata in battaglia.

I tesori delle tombe saranno presto visibili a Giza

Forse alcune domande rimarranno per sempre senza risposta, come ad esempio se l'archeologo Carter si sia arricchito con i tesori. È improbabile che questo fermi le folle alle mostre sul faraone. Al GEM di Giza saranno presto esposti 4700 degli oltre 5000 manufatti trovati vicino alla mummia di Tutankhamon: abbigliamento, giochi, gioielli, armi, mobili, cosmetici e altro ancora.

La storica Christina Riggs descrive come Tutankhamon abbia svolto un ruolo ancora più importante: quello di ambasciatore culturale, di fonte di finanziamento per il governo egiziano e di servitore di un'attività statale segreta. Secondo Riggs, i suoi manufatti - e i Paesi in cui sono stati esposti nel rispettivo contesto politico - sono una forma di soft power e di influenza che i visitatori raramente riescono a vedere.

Ma i tesori d'oro possono anche essere semplicemente ammirati dietro una teca di vetro. Come ha detto Carter durante una visita alla camera quando gli è stato chiesto se riusciva a vedere ancora qualcosa: «Sì, è meraviglioso».

Carter e il suo team (documentario in tedesco):