Art Basel

«Spider» di Louise Bourgeois venduto per 40 milioni dollari

dosp, ats

15.6.2022 - 16:27

L'opera "Spider" di Louis Bourgeois, un ragno alto più di tre metri, è stato venduto oggi a Art Basel per 40 milioni di dollari.
Keystone

La Galleria svizzera Hauser & Wirth ha venduto oggi, mercoledì, alla fiera d'arte Art Basel l'iconico plastico «Spider» di Louise Bourgeois per 40 milioni di dollari. L'opera si posiziona così in testa alla lista delle vendite.

dosp, ats

15.6.2022 - 16:27

Il primo giorno della fiera d'arte Art Basel, aperta solo agli invitati, ha già fatto risuonare le casse di molte gallerie, come si può notare dal resoconto delle vendite pubblicato oggi. Le fiere d'arte sembrano quindi seguire la tendenza al rialzo già osservata dalle principali case d'asta.

Gli affari sono andati particolarmente bene per Hauser & Wirth. Oltre alla scultura «Spider» di Louise Bourgeois, la galleria ha registrato altre dieci vendite milionarie, tra cui il dipinto «Les Beigneuses» di Francis Picabia (4 milioni di dollari) e un'altra opera di Louise Bourgeois intitolata «Nature Study» (1,1 milioni di dollari).

Per 12,5 milioni di dollari, la galleria newyorkese David Zwirner ha venduto un'opera dell'artista concettuale e installatore americo-cubano Félix González-Torres. Secondo la galleria, l'opera «Untitled (Tim Hotel)» è andata a una «importante collezione asiatica». La stessa galleria ha venduto il dipinto «Militaristic Monomaniac» di Marlene Dumas per 8,5 milioni di dollari a una collezione europea dichiarata importante.

I collezionisti, ma anche i musei (non nominati) della regione asiatica, hanno messo mano al portafoglio. Un altro collezionista asiatico ha pagato 850'000 dollari per l'opera fotografica «Lion Jet Truck» di John Baldessari.

Molti gruzzoli per lavori fotografici

In generale, è stato appurato che si possono fare molti soldi ad Art Basel anche con le opere fotografiche. Hauser & Wirth ha venduto l'opera fotografica di grande formato «Concorde L449» di Wolfgang Tilmans all'Astrup Fearnley Museum of Modern Art per un milione di dollari.

Le opere dell'artista tedesco Georg Baselitz sono state molto apprezzate nel primo giorno di vendita. La galleria londinese White Cube ha venduto l'opera «Hirtenkopf» per 5,5 milioni di dollari. Thaddaeus Ropac, anch'egli di Londra, ha ottenuto 1,38 milioni di dollari per il dipinto «X-ray lila».

Le opere eccentriche dell'americano George Condo, con i suoi ritratti di persone con smorfie e alienate, continuano a essere commercializzate per molti soldi. La galleria berlinese Sprüth Magers ha venduto il dipinto «Profilo rosso e oro» per 1,55 milioni di dollari a un collezionista americano. E Hauser & Wirth ha incassato a sua volta 2,8 milioni di dollari per l'opera «Large Reclining Nude».

Ma Art Basel propone anche prezzi più abbordabili. Oltre alle opere da un milione di dollari, la galleria White Cube vendeva anche opere d'arte con prezzi compresi tra i 3'000 e i 9'000 dollari. L'opera più economica venduta finora è il disegno a carboncino e pennello «De-Fossilization Of The Look, Dialogue With Madonna Del Parto» di Pélagie Gbaguidi, andata per 3'000 dollari.

dosp, ats