Art Basel, splendente come di consueto

dosp, ats

21.9.2021 - 17:25

Un lavoro senza titolo (2019) dell'artista italiano Enzo Cuchi esposto ad Art Unlimited nel quadro della fiera internazionale d'arte Art Basel, 21 settembre 2021.
Keystone

Con gli eventi First Choice e Preview per collezionisti importanti, celebrità ed esperti, Art Basel ha ripreso il volo dopo una pausa di un anno e mezzo a causa della pandemia.

dosp, ats

21.9.2021 - 17:25

Dopo la pausa forzata sono praticamente tornati tutti. Le gallerie e i commercianti con le blue chip dell'arte moderna classica: i gruppi commerciali d'arte Gagosian, Zwirner, Landau, Hauser & Wirth con le loro filiali a New York, Parigi, Londra e Hong Kong e anche Meggen (LU).

Sulle pareti dei loro dignitosi stand sono appesi tutti i grandi nomi dell'arte del 20esimo e 21esimo secolo, come Picasso, Klee, Leger, Jean-Michel Basquiat, che non vanno agli acquirenti per meno di prezzi a sette cifre.

Ma i collezionisti devono sborsare molti soldi anche per l'arte contemporanea: per un disegno a carboncino di grande formato dell'artista americana Kara Walker, la Sikkema Jenkins Gallery di New York chiede un quarto di milione di dollari.

Sale d'esposizione meno affollate

Alla Champagne Breakfast di stamane, prima dell'apertura dei padiglioni nel cortile circolare del Messebau 2, tradizionalmente occupato da Art, si è avuta l'impressione che la pandemia non ci fosse mai stata. Il cortile si è rapidamente riempito del solito pubblico internazionale che, grazie al requisito del certificato Covid, ha potuto fare a meno delle mascherine nell'area esterna.

Nelle sale, le mascherine erano invece obbligatorie e c'era molta meno folla che negli anni precedenti. Gli organizzatori della mostra presumono che meno collezionisti si recheranno a Basilea, soprattutto dagli Stati Uniti e dall'Asia. Tuttavia, molti dei più importanti collezionisti europei, ma anche statunitensi e asiatici, hanno annunciato che saranno presenti, ha indicato a Keystone-ATS Marc Spiegler, direttore globale di Art Basel.

I galleristi e i responsabili della mostra ripongono molte speranze nei millennial, la generazione di collezionisti nati negli anni 1980 e 1990. Secondo uno studio congiunto di Art e UBS, questi amanti degli acquisti nel corso dell'anno hanno acquistato in media già 15 opere d'arte. «Contiamo di vederli a Basilea», ha affermato Spiegler.

dosp, ats