Axel Springer licenzia il direttore della Bild dopo indagini interne

SDA

18.10.2021 - 22:30

Il gruppo editoriale tedesco di Axel Springer ha sciolto il direttore della Bild, Julian Reichelt, dal suo incarico, con effetti immediati.

Il potente caporedattore della
Il potente caporedattore della "Bild" Julian Reichelt è stato licenziato.
EPA/JENS SCHLUETER/KEYSTONE

SDA

18.10.2021 - 22:30

La decisione è stata presa, si legge in una nota del colosso, a seguito di «nuove ricerche sul comportamento» di Reichelt, che non avrebbe «separato in modo chiaro la sfera professionale da quella privata».

Il comunicato precisa: «L'azienda ha acquisito negli ultimi giorni nuove conoscenze sul comportamento attuale di Julian Reichelt. (...), il consiglio ha appreso che Julian Reichelt non ha chiaramente separato le questioni private e professionali anche dopo la conclusione della procedura nella primavera del 2021 e ha mentito al consiglio su questo aspetto.»

Già in primavera era stata avviata una procedura interna sulle accuse in merito a un presunto abuso di ufficio per relazioni consensuali con le dipendenti e consumo di droga sul posto di lavoro. Il 41enne aveva avuto però una seconda chance e dopo una breve pausa era ritornato alla guida del tabloid.

Al suo posto è stato nominato il 37enne Johannes Boie, attualmente direttore della «Welt am Sonntag», dello stesso gruppo.

Dopo l'articolo del NY Times, fine improvvisa

Lunedì è stata annunciata la fine improvvisa del rapporto di lavoro. Il tutto è stato causato da un dossier del «New York Times» che ha parlato domenica in un lungo articolo del gruppo Axel Springer anche per quanto riguarda i suoi piani di acquisizione dello statunitense Politico.

Springer vuole crescere di più nelle sue attività digitali e ha deciso di rilevare Politico, la newsletter politica, in quella che dice essere la più grande acquisizione aziendale nella storia della società. L'accordo deve ancora essere approvato dalle autorità. Springer vede un mercato in crescita negli Stati Uniti.

Nell'articolo, il giornale statunitense affronta anche le accuse contro Reichelt, rese pubbliche in primavera, e mette in gioco le ricerche che il team investigativo del gruppo Ippen («Frankfurter Rundschau», «Münchner Merkur», «TZ») aveva portato avanti negli ultimi mesi, che non sono ancora state pubblicate. Anche la rivista «Übermedien» ha affrontato il tema.

L'editore impedisce la pubblicazione?

In realtà, le ricerche avrebbero già dovuto essere pubblicate, ma il gruppo Ippen media ha deciso di non pubblicarli a causa della pressione dell'editore Dirk Ippen. Queste pressioni hanno scatenato delle critiche e il team di ricerca ha scritto una lettera alla direzione e all'editore.

Nella lettera, circolata su internet, si poteva leggere: «I risultati della nostra ricerca indicano abusi e abuso di potere alla Axel Springer e da parte del caporedattore più potente della Germania. Siamo stati particolarmente irritati dal fatto che non sono state date ragioni legali o editoriali per fermare la ricerca».

Il giornale «Frankfurter Rundschau» (FR), che appartiene pure al gruppo Ippen, ha scritto online: «Sosteniamo la lettera di protesta del team investigativo all'editore Dirk Ippen. L'indipendenza editoriale è la base indispensabile per un giornalismo di qualità, la fiducia è il suo bene più prezioso. Non deve mai essere violato».

Si ignora se la ricerca sarà mai pubblicata. Il gruppo Ippen non ha voluto rilasciare commenti alla DPA, la Deutsche Presse-Agentur. La ragione data per fermare la pubblicazione è stata: «Come gruppo editoriale che è in diretta concorrenza con ‹Bild›, dobbiamo essere molto attenti a non dare l'impressione di voler danneggiare economicamente un concorrente».

La casa editrice, che pubblica il tabloid «TZ» a Monaco, ha aggiunto: «Pertanto, la decisione è stata presa per evitare qualsiasi impressione che potremmo essere parte di un tentativo di causare un tale danno economico. Questo ha tolto dal tavolo la questione di una prima pubblicazione di queste ricerche».

Secondo Ippen, non c'è stata alcuna pressione di Springer nella decisione di non pubblicare. «Lo scambio con Springer si è limitato alla solita corrispondenza tra i rispettivi avvocati in questi casi».

Un portavoce di Springer sollecitato ha così risposto: «A conoscenza di Axel Springer, non c'è stato alcun tentativo di impedire le pubblicazioni in relazione all'indagine. Questo non pregiudica gli avvisi legali che servono a proteggere gli interessi legittimi dell'azienda e dei suoi dipendenti».

Dipendente dal 2002

Reichelt lavorava per il gruppo Axel Springer dal 2002. Il giornalista era presidente dei caporedattori della «Bild» e aveva la responsabilità editoriale generale del marchio Bild con il più grande quotidiano tabloid della Germania con una tiratura di circa 1,2 milioni di copie (con il tabloid di Berlino "B.Z").

Il 41enne era anche portavoce della direzione del marchio Bild. Reichelt è diventato noto a molti soprattutto con il suo lavoro di reporter nelle zone di guerra.

«Sviluppo giornalistico eccezionale»

Il CEO di Springer Mathias Döpfner ha detto lunedì: «Julian Reichelt ha sviluppato ‹Bild› in un modo giornalistico eccezionale e ha reso il marchio adatto al futuro con BILD LIVE. Avremmo voluto continuare il percorso di rinnovamento culturale intrapreso con la redazione e la casa editrice della BILD insieme a Julian Reichelt. Questo ora non è più possibile».

Accanto a Boie al vertice di «Bild», Alexandra Würzbach rimarrà caporedattrice di «Bild am Sonntag» e sarà responsabile del personale e della gestione editoriale. Aveva già occupato questa funzione durante l'assenza di Reichelt in primavera.

Springer impiega circa 16.000 persone in tutto il mondo. Oltre alle ammiraglie giornalistiche «Bild» e «Welt», il gruppo è attivo in attività digitali come le newsletter. Anche i portali di annunci sono un pilastro importante.

Springer investe anche in altre aziende. Nel 2019, il gruppo di Berlino ha stretto una partnership con l'investitore finanziario americano KKR e si è anche ritirato dalla borsa nel 2020 per questo scopo. L'obiettivo: crescere più velocemente nelle imprese digitali.

Negli ultimi mesi, Springer ha intrapreso un progetto mastodontico: il suo giornale «Bild», che ha ancora la più alta tiratura, ha sviluppato anche un canale televisivo con lo stesso nome. Il programma televisivo in chiaro è iniziato ad agosto. Springer vuole investire milioni nell'espansione della sua offerta video. In TV, in Germania si guadagna ancora molto con la pubblicità.

SDA