Carenza di personale

Voli cancellati e migliaia di passeggeri bloccati, è solo l'inizio?

tgab

7.6.2022

Possibili conseguenze della carenza di personale in diversi punti del processo di viaggio. (immagine illustrativa).
Keystone/EPA/Andy Rain

I voli cancellati e i passeggeri bloccati all'estero sono in aumento tra le compagnie aeree. Il motivo: manca il personale che durante la pandemia di Covid ha cercato altri tipi d'impiego. Cresce quindi la preoccupazione per le condizioni caotiche nelle le vacanze estive anche per gli scali di Zurigo e Ginevra.

tgab

7.6.2022

Dopo la cancellazione dei voli delle principali compagnie aeree europee e migliaia di passeggeri bloccati all'estero a causa della carenza di personale, crescono le preoccupazioni per le condizioni caotiche durante l'alta stagione dei viaggi.

A seguito delle partenze e dei licenziamenti durante la pandemia, il settore non ha ancora impiegato abbastanza lavoratori e operativi per far fronte all'impeto dei viaggi.

Secondo i media, migliaia di britannici sono rimasti bloccati all'estero durante il fine settimana a causa di una serie di cancellazioni di voli. La compagnia aerea Easyjet, così come British Airways e Tui hanno cancellato alcuni voli nei giorni precedenti.

A Londra Heathrow, l'aeroporto più grande d'Europa, i passeggeri a volte hanno fatto la fila per ore prima di poter effettuare il check-in la scorsa settimana. Il governo britannico ha accusato l'industria di non essersi adeguatamente preparata.

Carenza di personale nella gestione e sicurezza dei bagagli

La domenica di Pentecoste, la compagnia aerea olandese KLM ha iniziato a portare ad Amsterdam molti dei suoi passeggeri bloccati nei paesi europei il giorno prima.

A causa di notevoli ritardi nella gestione dell'aeroporto di Schiphol, sabato KLM ha deciso di cancellare una serie di voli di linea dalle città europee. Già nelle settimane precedenti l'aeroporto aveva dovuto affrontare grossi problemi a causa della mancanza di personale addetto alla gestione dei bagagli e alla sicurezza.

Anche in Germania c'è una grande carenza di personale. «In tutte le località, ai fornitori di servizi coinvolti nella gestione dei passeggeri mancano circa il 20% del personale di terra rispetto al periodo pre-Covid. Ciò può portare a delle congestioni nelle ore di punta, soprattutto al check-in, durante il carico delle valigie e nei controlli di sicurezza aerea», ha affermato di recente il direttore generale dell'associazione aeroportuale ADV, Ralph Beisel, alla Deutschen Presse-Agentur.

L'emergenza non può essere risolta rapidamente

Questo stato d'emergenza non sorprende. In un'indagine pubblicata un mese fa dalle due associazioni di categoria ACI e ASA, due terzi dei responsabili d'aeroporto intervistati prevedono che potrebbero esserci dei ritardi dovuti alla mancanza di personale. Un terzo degli intervistati presume addirittura che questi problemi persisteranno anche in autunno.

Dopotutto, in un mercato del lavoro così arido, le aziende non possono assumere con la stessa velocità con cui la febbre dei viaggi sta aumentando. Il leader dell'associazione ADV Beisel ha sottolineato che a causa dei requisiti di sicurezza richiesti per il personale negli aeroporti, il «controllo di affidabilità», i dipendenti non possono essere assunti dall'oggi al domani.

Swissport, la più grande compagnia al mondo di servizi per compagnie aeree e aeroporti, sta lavorando per «tenere sotto controllo i problemi di risorse nei Paesi Bassi e in Gran Bretagna», ha detto la portavoce Nathalie Berchtold a «Tages-Anzeiger». Durante la pandemia di Covid, Swissport ha ridotto il numero dei suoi posti di lavoro in tutto il mondo da 65.000 a 40.000.

Effetti indiretti sugli aeroporti svizzeri

Per quanto riguarda gli aeroporti svizzeri, Swissport è tranquilla: «A Basilea, Ginevra e Zurigo abbiamo attualmente personale sufficiente per coprire i voli annunciati», afferma la portavoce dei media dell'azienda. Non dovrebbero essere effettuati ulteriori tagli ai piani di volo. Swiss ha già cancellato i voli in piena estate perché la compagnia aerea ha troppo poco personale di cabina.

Indirettamente, però, gli aeroporti e le compagnie aeree svizzere risentono dei problemi. Quando i voli si bloccano nei principali crocevia di Londra e Amsterdam, i voli in Svizzera sono spesso in ritardo o i passeggeri devono prenotare di nuovo.

All'aeroporto di Zurigo è la Polizia cantonale ad essere responsabile dei controlli di sicurezza. Il «Tages-Anzeiger» ha confermato che c'erano abbastanza persone disponibili. Contrariamente a molti servizi di sicurezza privata, la Polizia cantonale non ha eliminato alcun impiego durante la pandemia.

Le cose sono diverse all'aeroporto di Ginevra, dove è una società privata ad essere incaricata dei controlli di sicurezza. Il portavoce dei media dell'aeroporto di Ginevra parla poi anche di una «situazione del personale generalmente molto tesa».

Redatto con materiale della dpa.