Due anni fa

Codogno 20 febbraio, il tampone 0 che scoprì il Covid

SDA

20.2.2022 - 17:30

Codogno diventò un paese confinato.
Keystone

Era la sera del 20 febbraio 2020 e all'ospedale di Codogno l'Italia scopriva il primo caso di Covid in quel giovane uomo di 38 anni, Mattia Maestri, che poi venne chiamato da tutti il 'Paziente 1'.

SDA

20.2.2022 - 17:30

Sono passati due anni dall'esito di quel tampone che scoprì il primo positivo in Italia cambiando le sorti non solo di Codogno, comune della bassa lodigiana che divenne la prima zona rossa del paese, ma di tutta l'Italia. Anzi di tutta l'Europa, ma ancora non s'era capito.

A scoprire il 'Paziente 1' è stata, grazie al suo intuito, una dottoressa che lavorava come anestesista all'ospedale di Codogno, Annalisa Malara, che quel giorno decise di forzare il protocollo che prescriveva a chi fare i test per il Covid e di sottoporre al tampone quel 38enne sano e sportivo che era devastato da una polmonite. Il tampone rivelò la positività dell'uomo al Sars-CoV-2.

Tensione e paura

Quella sera di due anni fa «ricordo tanta tensione e tanta concentrazione sul curare questo paziente – ha ricordato Annalisa Malara al telefono con l'Ansa – e al contempo c'era anche tanta paura per quello che stava succedendo. Infatti era chiaro che eravamo davanti a qualcosa di molto grande, l'apprensione è stata da subito elevatissima».

Dopo un po' «mi sono chiesta come mai questo ragazzo che lavorava in un'azienda in cui i viaggi all'estero erano all'ordine del giorno ed era in contatto con colleghi che viaggiano – ha continuato – non avesse potuto entrare in contatto con il virus. Quindi mi sono detta che avrei dovuto fare questo tampone».

In poche ore l'arrivo dei militari e la zona rossa

Dopo il tampone positivo in poche ore è stato evacuato il pronto soccorso dell'ospedale e il 23 febbraio è scattata la prima zona rossa d'Italia a Codogno e in altri dieci Comuni limitrofi, con l'arrivo dei militari che hanno iniziato a presidiare i confini dei paesi, mentre ai cittadini è stato raccomandato di rimanere nelle loro abitazioni e di non avere contatti con nessuno.

Le strade deserte di Codogno, la Wuhan italiana, con le serrande abbassate dei negozi e il senso di paura tra le persone e gli stessi sanitari, che non conoscevano questo virus così devastante, hanno fatto il giro del mondo. In poco tempo tutta l'Italia sarebbe diventata una grande zona rossa con l'inizio del lockdown.

Lunedì cerimonie di commemorazione

Dopo due anni e grazie ai vaccini la vita sembra tornare quasi alla normalità. «Rispetto a due anni fa mi sento molto meglio – ha detto la dottoressa Malara -, quella fu una giornata difficile da tutti i punti di vista. Oggi sono molto più serena e tranquilla, anche per quanto riguarda la salute dei miei famigliari e delle persone a me più care perchè sono tutte vaccinate».

A Codogno sono giorni di ricordo, questa mattina nel paese si è svolta una biciclettata, la 'Zona rossa gravel'. Mentre lunedì all'ex ospedale Soave di Codogno si terrà l'evento commemorativo 'Codogno 2020 – 2022', a cui parteciperà il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, con i sindaci di Codogno e dei Comuni della prima zona rossa. E Annalisa Malara.

SDA