Batterio assassino

Due cani muoiono dopo aver fatto il bagno nel lago Greifen

pab

16.5.2022

Le alghe azzurre possono causare gravi avvelenamenti per l'uomo e gli animali, soprattutto per chi beve l'acqua infestata
Le alghe azzurre possono causare gravi avvelenamenti per l'uomo e gli animali, soprattutto per chi beve l'acqua infestata.
Polizia svizzera

La Polizia cantonale di Zurigo mette in guardia dalle alghe azzurre. Nel fine settimana, due cani sono morti nell'ospedale per animali di Zurigo dopo aver fatto il bagno nel lago di Greifen. Le alghe azzurre sono pericolose anche per l'uomo.

pab

16.5.2022

È iniziata la stagione delle alghe azzurre, conosciute anche come verdi-azzurre o cianoficee. La polizia cantonale di Zurigo avverte: «Se l'acqua è torbida, presenta striature oleose o si sfalda, uomini e cani non devono fare il bagno. I cani dovrebbero inoltre bere solo acqua pulita e limpida».

L'ospedale per animali ha riferito nel fine settimana che due cani sono morti dopo una passeggiata al Greifensee. Entrambi erano stati in acqua, ha confermato a «20 Minuten» un portavoce della polizia cantonale.

I cinaobatteri pericolosi anche per l'uomo

Le alghe azzurre, chiamate anche cianobatteri, sono pericolose anche per l'uomo.

I cianobatteri si sviluppano in acqua piuttosto stagnante, con colonie a forma di massa gelatinosa o di filamenti che galleggiano in superficie. La loro crescita è favorita dalle alte temperature calde Anche una volta tolti dall'acqua possono rappresentare un pericolo.

È l'ingestione che provoca intossicazione. Numerose specie di cianobatteri sono capaci di produrre tossine che agiscono a livello nervoso ed epatico, provocando danni irreversibili anche per l'uomo quando nell'acqua vengono raggiunte concentrazioni molto alte.

Le neuro tossine prodotte dalle alghe azzurre sono in grado di impedire la comunicazione tra neuroni e cellule muscolari e quindi possono interferire con il sistema nervoso e provocare la morte per paralisi dei muscoli respiratori.

Dove sono state avvistate le alghe azzurre?

La loro presenza è nota anche nei laghi di Zurigo, Greifen (ZH) e Baldegg (LU). Alla fine di luglio del 2020 per la prima volta si è registrato un caso di cinaobatteri nel Lago di Neûchatel, presenza che ha provocato la morte di ben sei cani. La balneazione di alcune spiagge fu vietata per alcuni giorni.

Il fenomeno di solito non presenta più inconvenienti dopo il passaggio di temporali e piogge.

Comportamento in caso di sospetta infestazione da alghe azzurre (fonte: opuscolo del Cantone di Zurigo)

  •  Evitare superfici d'acqua colorate in modo evidente, con striature o scaglie.
  • Se non riuscite più a vedere chiaramente i vostri piedi a causa della densità delle alghe nell'acqua profonda fino al ginocchio, abbandonate lo specchio d'acqua.
  • Le persone con pelle sensibile (compresi i bambini piccoli) dovrebbero limitare i bagni nel lago alle aree con acqua limpida.
  • Evitare di ingerire l'acqua.
  • Dopo il bagno, fare una buona doccia e asciugarsi accuratamente. - Limitare il gioco e l'esercizio con i cani presso gli specchi d'acqua a zone di riva idonee con acqua limpida e non colorata.
  • Non permettete ai cani di bere acqua colorata e di sciacquarsi il pelo se ne vengono a contatto, poiché è possibile ingerire i cianobatteri leccandosi il pelo.