Nuovo studio Ecco cosa succede nel nostro cervello quando moriamo

vab

29.6.2024

Immagine illustrativa. Quando stiamo per morire, il cervello rimane molto attivo per diversi minuti, come dimostra uno studio statunitense.
Immagine illustrativa. Quando stiamo per morire, il cervello rimane molto attivo per diversi minuti, come dimostra uno studio statunitense.
IMAGO/Panthermedia

Un nuovo studio ha fornito delle informazioni su ciò che accade nel cervello quando moriamo. Il paziente uno del gruppo di ricerca dell'Università del Michigan, negli Stati Uniti, era una paziente di 24 anni in coma.

vab

29.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università del Michigan, il cervello mostra un elevato livello di attività quando stiamo morendo.
  • Il team ha condotto una ricerca su una paziente 24enne in coma.
  • «Durante la morte è successo qualcosa per alcuni minuti nel cervello che assomigliava sorprendentemente alla vita», ha detto Jimo Borjigin, a capo della ricerca, al «Guardian».

Nessuno sa esattamente cosa succede quando moriamo. E nessuno può dirci come ci si sente. Perché chi l’ha già sperimentato, chiaramente, non può più dare una risposta.

Le persone sono sempre state interessate a ciò che accade quando la vita finisce. Non c'è da stupirsi che nuovi gruppi di ricerca affrontino costantemente il tema delle esperienze ai confini della morte, anche grazie alle persone che le raccontano. Queste persone spesso parlano di una luce brillante, dello scorrere della vita davanti agli occhi e di un sentimento di pace, armonia e unità.

Lo studio condotto da un gruppo di ricerca guidato dal neurologo Jimo Borjigin dell’Università del Michigan negli Stati Uniti fornisce nuove ed entusiasmanti informazioni sulla morte.

La ricerca è stata condotta su una paziente di 24 anni che un giorno è entrata in un coma dal quale non si è più svegliata. Soffriva da anni di aritmie cardiache e convulsioni. La sua famiglia ha deciso di disattivare il supporto vitale e di dare la 24enne al gruppo di ricerca, che l'ha utilizzata come base di partenza per lo studio.

Il cervello morente funzionava «come una sorta di iperguida»

Nei passaggi successivi sono state osservate le onde cerebrali delle persone morenti. Ciò che è emerso è sorprendente: invece di un'immediata cessazione dell'attività, si è verificata una vera e propria esplosione di attività dopo la privazione di ossigeno nel cervello morente.

Al «The Guardian» il professor Borjigin ha dichiarato che il cervello della paziente stava lavorando «come una sorta di iperguida». E ha aggiunto: «Durante la morte è successo qualcosa per alcuni minuti nel cervello che assomigliava sorprendentemente alla vita».

Se alcune aree erano quasi ferme durante le misure di supporto vitale, avrebbero improvvisamente vibrato ed emesso segnali elettrici ad alta frequenza. Si tratta anche di onde gamma.

I ricercatori hanno affermato che le «zone calde» sono diventate estremamente vivide per la coscienza e che questo sarebbe durato più di sei minuti.