Anche sotto i 65 anni Ecco i fattori che possono influenzare l'insorgere della demenza precoce

toko

27.12.2023

Uno studio ha identificato 15 fattori che influenzano l'insorgere precoce della demenza (immagine illustrativa).
Uno studio ha identificato 15 fattori che influenzano l'insorgere precoce della demenza (immagine illustrativa).
Imago/Westend61

Secondo un nuovo studio, non solo la composizione genetica, ma soprattutto lo stile di vita può influenzare l’insorgenza della demenza nelle persone sotto i 65 anni. I ricercatori hanno identificato 15 fattori.

toko

27.12.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Ogni anno, in tutto il mondo, a 370.000 persone di età inferiore ai 65 anni viene diagnosticata la demenza.
  • In uno studio su larga scala, i ricercatori hanno identificato 15 fattori che influenzano l’insorgenza precoce della demenza, compresi quelli associati a un rischio inferiore.
  • Soprattutto le persone con disturbi della regolazione della pressione sanguigna spesso ne soffrono. Anche la depressione e l’abuso di alcol sono associati a un rischio elevato.

Quasi quattro milioni di persone in tutto il mondo sperimentano sintomi di demenza prima dei 65 anni, e ogni anno a 370.000 persone viene diagnosticata una nuova malattia.

L’abuso di alcol, un contesto socioeconomico basso, la solitudine e la perdita dell’udito sono tra i fattori che aumentano significativamente il rischio di demenza a insorgenza precoce. Questo è il risultato di uno studio su larga scala, come riportato dall'Università di Exeter.

Lo studio congiunto - delle università di Exeter e Maastricht - è stato pubblicato sulla rivista «Jama Neurology». Sono stati analizzati i dati di 350.000 persone di età inferiore ai 65 anni che hanno preso parte alla ricerca sulla biobanca britannica.

I ricercatori hanno esaminato cosa potrebbe influenzare la predisposizione di una persona alla demenza a insorgenza precoce, compresi fattori genetici, stile di vita e ambientali.

Mentre le ricerche precedenti avevano suggerito che i cambiamenti nello stile di vita possono ridurre il rischio di demenza nelle persone anziane, secondo gli autori del nuovo studio questo è il primo risultato che suggerisce che il rischio di una demenza precoce potrebbe essere ridotto allo stesso modo.

Il team di studiosi ha individuato un totale di 15 fattori di rischio. Soprattutto le persone con disturbi della regolazione della pressione sanguigna (ipotensione ortostatica) hanno maggiori probabilità di sviluppare la demenza, seguita da depressione e abuso di alcol.

I fattori di rischio della demenza precoce:

  • ipotensione ortostatica
  • depressione
  • elevato consumo di alcol
  • ictus
  • predisposizione genetica
  • discriminazione sociale
  • diabete
  • cardiopatie
  • carenza di vitamina D
  • problemi all'udito
  • alti livelli di proteina C-reattiva
  • isolamento sociale

Minore rischio di demenza precoce:

  • consumo moderato di alcol
  • istruzione superiore
  • maggiore resilienza

Sebastian Köhler, professore di neuroepidemiologia all'Università di Maastricht e uno degli autori principali dello studio, afferma: «Sapevamo già, dalla ricerca sulle persone che sviluppano demenza in età avanzata, che esistono una serie di fattori di rischio modificabili».

«Oltre ai fattori fisici, anche la salute mentale gioca un ruolo importante, compresa la prevenzione dello stress cronico, della solitudine e della depressione. Il fatto che questo sia il caso anche della demenza in giovane età mi ha sorpreso e potrebbe offrire opportunità per ridurre il rischio anche in questo gruppo».