Bimbi malati terminali

Ecco perché in Svizzera è improbabile un caso come quello di Archie

Di Lia Pescatore

8.8.2022

Un'incubatrice protegge il neonato prematuro dalle condizioni ambientali naturali che il bambino nato in anticipo non può ancora affrontare. (Immagine simbolica)
Un'incubatrice protegge il neonato prematuro dalle condizioni ambientali naturali che il bambino nato in anticipo non può ancora affrontare. (Immagine simbolica)
Keystone/DPA/Guido Kirchner

Nel Regno Unito, i genitori si scontrano regolarmente con i medici per le misure di mantenimento in vita dei bambini malati terminali. Un professore di diritto ci spiega perché questi scenari sono insoliti in Svizzera.

Di Lia Pescatore

8.8.2022

I genitori hanno lottato «fino alla fine» per la vita del figlio Archie. Il dodicenne britannico è deceduto sabato al Royal Hospital di Londra, dove i medici hanno infine staccato le macchine che lo tenevano in vita dal 7 aprile a causa di gravi lesioni cerebrali.

I medici volevano interrompere il supporto vitale da mesi, ma i genitori hanno combattuto in tutti i tribunali, fino ad arrivare alla Corte europea per i diritti umani, ma alla fine hanno perso anche lì. Archie doveva morire, nel suo interesse, hanno sostenuto tutti.

E così sabato l'ospedale ha staccato tutti i dispositivi che tenevano in vita il giovane.

«Nessun genitore svizzero si è mai rivolto al TF»

I genitori svizzeri non si sono mai rivolti al Tribunale federale. Non è un'eccezione che un tribunale in Gran Bretagna decida il destino di un bambino malato terminale. Negli ultimi anni, ad esempio, hanno fatto notizia i casi di Alfie Evans e Charlie Guard. In entrambe le situazioni, i genitori si sono opposti in tribunale all'interruzione delle misure di sostegno vitale raccomandate dai medici.

Un simile scenario è possibile anche in Svizzera? «Sarebbe insolito, ma non si può escludere», afferma Regina E. Aebi-Müller, docente di diritto privato all'Università di Lucerna. Il ricorso al tribunale è aperto a tutti, in linea di principio, se c'è un «notevole disaccordo» tra la professione medica e il paziente o, come in questo caso, i genitori con potere di rappresentanza.

Tuttavia, non conosce nessun caso analogo che sia stato combattuto in un tribunale a livello federale. 

«Se il trattamento è inutile, non se ne ha diritto»

Regina Aebi-Müller

Professoressa di diritto privato

Ma quali diritti hanno i genitori di un bambino malato terminale in Svizzera? «La sovranità decisionale su quale trattamento applicare spetta fondamentalmente ai genitori», afferma Aebi-Müller. Se esistono diverse opzioni di trattamento, i genitori decidono quale utilizzare. Ma l'autorità decisionale ha dei limiti: da un lato i genitori devono agire nell'interesse del bambino, dall'altro possono chiedere per il loro figlio solo trattamenti che abbiano senso dal punto di vista medico.

«Se un trattamento è inutile, non se ne ha diritto». Questo vale in linea di principio, non solo per la fine della vita: una persona con un raffreddore virale non può nemmeno richiedere un antibiotico. Tali trattamenti non sono inoltre coperti dall'assicurazione sanitaria.

La Svizzera dispone del tempo e delle risorse necessarie

Nel caso di Archie, i medici hanno concluso che i trattamenti erano inutili e hanno diagnosticato la morte cerebrale. Ma i genitori dubitavano che tutti gli esami fossero stati eseguiti in modo sufficientemente approfondito. Quali sono le opzioni in Svizzera in questo caso? I genitori potrebbero cercare di ottenere un provvedimento superprovvisorio da un tribunale per ottenere più tempo per ulteriori indagini, afferma Aebi-Müller.

In questo Paese esistono linee guida chiare su come diagnosticare la morte cerebrale. Se i medici stabilissero la diagnosi in base a questi criteri, potrebbero, dal punto di vista legale, interrompere immediatamente le misure di mantenimento in vita, senza il consenso dei genitori.

In realtà, però, questo non accade quasi mai: «Ritirare l'apparecchiatura è ovviamente molto emozionante» e, se le risorse e il tempo lo consentono, i medici di solito lasciano l'apparecchiatura in funzione in modo che i genitori possano dire un addio adeguato.

Nel Regno Unito, tuttavia, è proprio questo che di solito manca: tempo e risorse. Il servizio sanitario britannico è sottoposto a forti pressioni finanziarie e quindi tende a ritirare prima le misure di mantenimento in vita. Ma nel caso di Archie, i tribunali sono d'accordo: la professione medica ha preso la decisione giusta.