L'annuncio

Un gruppo di esperti indipendenti dell'OMS: «La pandemia poteva essere evitata»

SDA

12.5.2021 - 14:56

Secondo il gruppo di esperti indipendenti, istituito dal direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, la pandemia avrebbe potuto essere evitata
Secondo il gruppo di esperti indipendenti, istituito dal direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, la pandemia avrebbe potuto essere evitata
Keystone

Un vero e proprio «cocktail tossico» di negazione, scelte sbagliate e mancanza di coordinamento ha fatto precipitare il mondo in una pandemia che «avrebbe potuto essere evitata».

SDA

12.5.2021 - 14:56

Lo sostiene in un rapporto pubblicato un gruppo di esperti indipendenti istituito dal direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus.

«Ci sono stati ritardi evidenti in Cina, ma ci sono stati ritardi ovunque»: è la conclusione dell'ex primo ministro neozelandese Helen Clark, co-presidente del gruppo istituito per esaminare le misure adottate dall'agenzia e dagli Stati contro il Covid.

Circa le responsabilità dell'Oms «è passato troppo tempo», osservano gli esperti, tra la notifica di un focolaio di polmonite sconosciuta a metà dicembre 2019 e la dichiarazione il 30 gennaio dell'emergenza sanitaria. Ma anche agendo una settimana prima, le cose difficilmente sarebbero cambiate di fronte «all'inazione di così tanti Paesi».

Il sistema di allerta «non è quindi stato abbastanza veloce», ha detto ai giornalisti il copresidente dell'inchiesta, l'ex capo di Stato della Liberia e premio Nobel per la pace Ellen Johson Sirleaf. «L'OMS è però stata ostacolata dal Regolamento sanitario internazionale», in vigore dal 2007, aggiunge Clark. L'organizzazione avrebbe dovuto dire rapidamente agli Stati che la diffusione e la trasmissione tra uomo e uomo, non solo era possibile, ma probabilmente stava avvenendo.

Allo stesso tempo, Clark ritiene che le restrizioni ai viaggi, che l'OMS non aveva raccomandato, avrebbero potuto ridurre la diffusione della pandemia.

Diverse misure proposte

Ma anche i governi sono presi di mira. A febbraio 2020, un numero più elevato di loro avrebbero potuto prendere misure per prevenire meglio la diffusione del virus. La scorsa settimana, altre due valutazioni indipendenti avevano già messo in evidenza le «lacune» dell'OMS e degli Stati.

Senza un'azione immediata per cambiare il sistema «non saremo protetti dalla prossima pandemia», insiste Johnson Sirleaf. Questa pandemia deve essere l'ultima a «causare tale devastazione agli esseri umani, alle società e all'economia nel mondo», ha aggiunto Clark.

Di fronte a queste osservazioni, il gruppo raccomanda quindi l'avvio di un Consiglio mondiale sulle minacce alla salute, a livello di capi di Stato e di governo. Come nel Consiglio per i diritti umani, gli Stati sarebbero esaminati dai loro pari sulla loro preparazione. E il Consiglio sarebbe responsabile dell'assegnazione di un fondo dotato di 5-10 miliardi di dollari all'anno, da finanziare per 10-15 anni, per i bisogni pandemici.

Si prevede che a breve si terrà una riunione speciale dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite per una dichiarazione politica e nei prossimi sei mesi è prevista anche l'adozione di una Convenzione quadro contro le pandemie. Attualmente, l'UE e l'OMS stanno invece proponendo di negoziare un trattato. Un accordo del genere non è possibile «dall'oggi al domani», spiega Clark, che ritiene che «ora sia il momento di ottenere sostegno politico».

«I paesi ricchi devono condividere un miliardo di dosi di vaccino»

Dovrebbe inoltre essere istituito un nuovo sistema di sorveglianza globale. L'OMS potrebbe quindi trasmettere indicazioni sulle epidemie con potenziale pandemico, senza attendere l'approvazione di uno Stato, e schierare rapidamente gli investigatori.

Gli Stati devono anche dotare meglio l'organizzazione finanziariamente e qualsiasi amministratore delegato non dovrebbe superare un singolo termine di sette anni.

L'acceleratore per un equo accesso ai vaccini e alle altre tecnologie contro il coronavirus deve diventare una piattaforma globale e il G7 deve fornire immediatamente il 60% degli oltre 16 miliardi di franchi richiesti, insistono gli investigatori.

Chiedono inoltre ai paesi ricchi di condividere un miliardo di dosi in eccesso con il dispositivo Covax entro settembre, due miliardi entro la metà del prossimo anno. Se nei prossimi tre mesi non verrà istituito alcun meccanismo di licenza volontaria, l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) dovrà decidere una sospensione della proprietà intellettuale, secondo il gruppo. La Svizzera si oppone a queste eccezioni.

SDA