Estate 2021

Estate 2021: la più piovosa da oltre 100 anni nelle Alpi centrali

ns, ats

25.8.2021 - 17:03

L'estate 2021 sarà ricordata anche per le grandinate, con chicchi dalle dimensioni considerevoli.
Keystone

A nord delle Alpi l'estate meteorologica, che propriamente termina il 31 agosto, è risultata la quinta più ricca di precipitazioni dall'inizio delle misure.

ns, ats

25.8.2021 - 17:03

Nelle Alpi centrali addirittura la più piovosa da oltre 100 anni, indica già oggi in un blog l'Ufficio federale di meteorologia e climatologia (MeteoSvizzera).

E poiché quest'anno si direbbe che proprio piove sul bagnato, MeteoSvizzera aggiunge che, a livello locale, i mesi di giugno e di luglio sono stati quelli con precipitazioni più abbondanti dall'inizio delle misure.

Estate piovosa ma calda...

L'estate meteorologica, che comprende i mesi di giugno, luglio e agosto, terminerà con una temperatura media nazionale di 13,9 gradi centigradi, valore di 0,6 gradi superiore alla norma del periodo 1981-2010, ma uguale a quello medio degli ultimi 30 anni. Il mese che ha contribuito maggiormente a questa anomalia positiva della temperatura è stato giugno, che a livello nazionale è risultato il quarto più caldo dall'inizio delle misure. Lo scarto dalla media è invece risultato negativo nei mesi di luglio e agosto.

... e persino tropicale a Biasca

Anche se quella del 2021 non è stata fra le più calde, la serie di estati calde degli ultimi tre decenni sta continuando. Prima del forte riscaldamento della stagione estiva registrato a partire dagli anni Novanta, infatti, in Svizzera una temperatura media stagionale di circa 14 gradi o più veniva misurata solo raramente. Rispetto al periodo preindustriale 1871-1900, la temperatura dell'estate in Svizzera è aumentata di più di 2 gradi.

A sud delle Alpi vi sono state fra le dieci e le 15 giornate tropicali (quelle in cui la temperatura massima raggiunge o supera i 30 gradi), a Biasca addirittura 20. A titolo di paragone, per il versante sudalpino la media 1981-2010 è compresa fra otto e undici giornate tropicali.

Acqua a catinelle...

Tornando all'acqua a catinelle, con quasi il 140% della precipitazione stagionale normalmente attesa, a nord delle Alpi l'estate di quest'anno risulta la quinta più piovosa dall'inizio delle misure nel 1864. Con un totale di precipitazioni pari al 162% della norma, per Berna si è ad esempio trattato della terza più piovosa. Appena di là del San Gottardo, Göschenen (UR) ha registrato circa il 190% della norma e l'estate è risultata la più ricca di precipitazioni addirittura dal 1883.

Al Sud delle Alpi le precipitazioni estive sono risultate abbondanti soprattutto sulla parte nordoccidentale del Ticino. Airolo ha registrato il 170% circa delle precipitazioni medie degli anni 1981-2011 e l'estate è risultata l'ottava più piovosa dal 1884. Nel resto delle regioni questa percentuale scende al 110-140%. Le intense precipitazioni in Ticino si sono censite nel mese di luglio e nei primi dieci giorni di agosto. A Coldrerio in luglio non aveva mai piovuto tanto sin dal 1918.

... e forti grandinate

A nord delle Alpi soprattutto il mese di giugno è stato caratterizzato da forti temporali che hanno causato in molte località intense grandinate. Come accade molto raramente, la dimensione dei chicchi di ghiaccio ha raggiunto e talvolta superato i 6-7 centimetri (cm) di diametro, scrive MeteoSvizzera. A sud delle Alpi si sono verificate grandinate soprattutto in luglio: i chicchi di grandine hanno raggiunto i 4-5 cm, dimensioni che si verificano in media solo ogni 10-20 anni.

Sull'insieme dell'estate a livello nazionale il numero di giornate con grandine è stato pari a 27, in linea con la media degli ultimi 20 anni (26 giorni). MeteoSvizzera definisce una giornata con grandine quella in cui a livello nazionale una superficie di almeno 100 chilometri quadrati presenta una probabilità di grandine di almeno l'80%.

ns, ats