L'EPFL apre la strada

I ratti da laboratorio cercano una nuova casa

Di Gabriela Beck

31.5.2022

Un rifugio per animali a Orpund colloca ratti da laboratorio in pensione con proprietari privati.
Un rifugio per animali a Orpund colloca i ratti da laboratorio in pensione da proprietari privati.
Getty Images/iStockphoto

Invece di addormentare i ratti da laboratorio al termine del loro impiego, l'ETH di Losanna è alla ricerca di una nuova casa con proprietari privati per alcuni dei suoi animali. Il concetto potrebbe costituire un precedente.

Di Gabriela Beck

31.5.2022

I ratti sono animali da laboratorio popolari a causa della loro elevata intelligenza e curiosità, specialmente negli esperimenti comportamentali. La maggior parte di loro è nata e cresciuta in istituti speciali e conosce solo la vita in laboratorio. E alla fine della loro «carriera», solitamente, vengono sottoposti a eutanasia. Ma per loro potrebbe esserci un destino diverso.

L'EPFL ha concluso un accordo di «rehoming» con Swiss Animal Welfare (STS) per fornire ad alcuni dei suoi ratti da laboratorio una nuova casa in abitazioni private. Undici di questi topi, che non sono stati geneticamente modificati, stanno aspettando al rifugio per animali Rosel a Orpund vicino a Bienne la possibilità di condurre una nuova vita al di fuori di un laboratorio.

«La maggior parte dei topi sono scarti, cioè animali che non sono mai stati utilizzati per scopi sperimentali», ha spiegato Carolin Strasser del rifugio per animali Rosel in un'intervista al portale «20 Minuten».

In base all'accordo, l'EPFL di Losanna dona all'STS i ratti che sono stati allevati o utilizzati per la ricerca di laboratorio, ma che non sono più necessari. L'EPFL si assume anche parte dei costi di mantenimento per i primi 30 giorni. Dopo aver consegnato i ratti, il STS si assicura che gli animali siano acclimatati in modo adeguato alla specie e si impegna a trovare proprietari adatti a ospitarli e curarli a lungo termine.

Salvataggio anche per topi o pesci zebra

L'iniziativa è unica per la Svizzera occidentale. Tuttavia, l'EPF di Losanna non è il primo istituto di ricerca in Svizzera a cedere i suoi ex animali da laboratorio a proprietari privati. L'Università di Zurigo è già riuscita a collocare 300 topi dal 2018, salvandoli così dalla morte. In Francia questa pratica è molto diffusa.

Ma i ratti di Zurigo e Berna, con il 9,5% di tutti gli animali da laboratorio, rappresentano solo una minima parte degli animali da laboratorio uccisi ogni anno. Secondo l'EPF di Losanna, un'espansione dell'iniziativa potrebbe salvare non solo i ratti, ma anche i topi o i pesci zebra, ad esempio.