«Different Minds»

Il «fenomeno» Leon Löwentraut in mostra alla Galleria WOS di Zurigo

zm

1.9.2021 - 14:40

Il pittore tedesco Leon Löwentraut fotografato davanti a una delle sue opere esposte alla Galleria WOS di Zurigo.
Il pittore tedesco Leon Löwentraut fotografato davanti a una delle sue opere esposte alla Galleria WOS di Zurigo.
Keystone

A soli 23 anni, l'artista tedesco Leon Löwentraut ha realizzato più di quanto altri artisti abbiano fatto in tutta la loro vita. Ma il giovane è un pittore promettente o soltanto aspirante? La Galleria WOS di Zurigo espone il suo progetto «Different Minds».

zm

1.9.2021 - 14:40

A Leon Löwentraut la fiducia in se stesso non manca di certo. «Voglio che i miei quadri siano appesi nei più grandi musei del mondo e perseguirò i miei obiettivi in questo senso con pieno vigore», ha affermato all'Agenzia stampa tedesca di Monaco di Baviera, dove la sua mostra «Leonismo» è attualmente esposta al Museo Nazionale Bavarese. «Tutto quello che si può immaginare è anche realizzabile e tutto quello che ho annunciato finora si è realizzato».

Löwentraut ha solo 23 anni – eppure è nel settore da anni. Alcuni lo considerano un artista emergente, talentuoso e promettente – altri solo aspirante, più genio del marketing che della pittura.

Löwentraut ha più di 223'000 follower su Instagram, dove si mostra con celebrità come il violinista David Garrett, il leader dei Rammstein Till Lindemann o la cancelliera Angela Merkel, in doppiopetto dall'aspetto antico, con le gambe divaricate davanti a yacht bianchi, in pose da modello serio o ancora dipingendo nel suo studio.

Di conseguenza, i giovani appassionati d'arte lo seguono su Facebook e Instagram, visitano le sue mostre e collezionano le sue opere. Quest'anno, la rivista Forbes lo ha incluso nella sua lista delle 30 persone più importanti del mondo di lingua tedesca sotto i 30 anni.

Sorprendentemente simpatico

Anche i responsabili della galleria zurighese WOS hanno scoperto il giovane artista su Instagram. Le sue opere d'arte li attraevano, ma le sue apparizioni sembravano «un po' speciali», dice Daniel Wahrenberger, che con Thomas Schafflützel e Claudius Ochsner gestisce la galleria nella città vecchia di Zurigo, su domanda di Keystone-ATS.

Ma quando si è venuto a sapere che Löwentraut stava cercando una galleria in Svizzera, l'interesse è stato abbastanza grande da invitare il polarizzante pittore.

Nel frattempo, ci siamo conosciuti, dice Wahrenberger. «Leon Löwentraut è molto simpatico, pieno di humour e vincente». È anche entusiasta della sua arte. Gli erano già piaciute le immagini in foto, ma da quando sono davvero appese nella sua galleria, le trova ancora più affascinanti.

I quadri luminosi e colorati di Löwentraut, spesso di grande formato, sui quali di solito spreme la vernice direttamente dal tubetto, ricordano in qualche modo Pablo Picasso, Jean-Michel Basquiat e Jackson Pollock. Il giovane artista chiama le sue particolarità «persone, figure, maschere e silhouette» e sembra anche prendere spunto dalle foto note dello studio di Pollock quando si presenta su Instagram.

Insignificante a livello internazionale

Il direttore della rinomata casa d'aste Ketterer di Monaco, Robert Ketterer, parla del «fenomeno Löwentraut». «Per me, questo è un fenomeno che osservo da un po' di tempo con qualcosa tra il sorriso e lo stupore», dice. Un'arte «molto commerciale», secondo lui. «Dipinge semplicemente e cerca di trovare uno stile che pensa possa prendere piede, uno stile che sia orientato verso i gruppi di destinatari e che non provenga dall'ego personale», afferma Ketterer.

Dal suo punto di vista, non c'è molta domanda per la sua arte sul mercato: «Probabilmente c'è anche un'ottima ragione per cui non gioca un ruolo nel mercato internazionale dell'arte». I pochi dipinti che sono ora sul mercato delle aste sono andati per molto meno denaro di quanto stimato in precedenza, dice Ketterer e su questo ha ragione.

Le «Menschenmasken» (Maschere umane) di Löwentraut del 2015 sono state messe all'asta nel 2018 dalla casa d'aste Neumeister di Monaco di Baviera per 22'860 euro (incluso il premio dell'acquirente). Le stime erano precedentemente tra 30'000 e 50'000 euro.

zm