Segni nel cielo

Il messaggio d'amore in volo dell'ultimo A380

dpa/uri

16.12.2021

Il messaggio in volo dell'ultimo A380
Il messaggio in volo dell'ultimo A380
Twitter

La fine del più grande aereo a fusoliera larga del mondo è arrivata: oggi Airbus consegna l'ultimo A380 a Emirates. Per dare l'addio agli appassionati di questo velivolo, i collaudatori hanno voluto salutarli con un chiaro messaggio d'amore.

dpa/uri

16.12.2021

In termini di dimensioni e capacità, supera il leggendario Boeing Jumbo 747: stiamo parlando del più grande jet passeggeri al mondo, ossia l'A380 di Airbus. Ben 14 anni dopo il primo volo commerciale, le compagnie aeree hanno già detto addio a questo velivolo a due piani.

Con la consegna, giovedì, dell'ultimo A380, il costruttore di aeromobili Airbus chiude il capitolo del più grande aereo a fusoliera larga del mondo. Il principale cliente dell'A380, ossia Emirates, vuole infatti prendere in consegna l'ultimo aeromobile di questo tipo ordinato presso la sede della fabbrica di Amburgo-Finkenwerder, ben 14 anni dopo che il primo cliente, Singapore Airlines, ha ritirato il primo A380 a Tolosa nell'autunno del 2007.

La consegna dell'aeromobile con il numero di serie MSN272 avverrà a causa del Covid senza una grande celebrazione, come ha annunciato la stessa Emirates. Questa sera, il velivolo con la registrazione ufficiale A6-EVS lascerà Amburgo.

Un cuore per gli appassionati

I piloti collaudatori hanno però voluto dare il loro personale addio all'aereo domenica scorsa, durante un volo, con un messaggio nascosto. Hanno scelto un percorso attraverso la Germania nord-orientale che, secondo i disegni del portale Flightradar24, ha creato sui cieli europei un cuore.

Commentando la posizione, Airbus ha dichiarato su Twitter: «Ci stiamo preparando a consegnare MSN272 a Emirates. In questo momento, quindi, il nostro equipaggio in volo di prova sta inviando alcuni cuori a tutti i fan dell'A380».

Il costruttore di aeromobili aveva deciso all'inizio del 2019, sotto il suo allora capo Tom Enders, che la produzione del più grande jet passeggeri del mondo sarebbe stata interrotta prematuramente. Il jet passeggeri a due piani aveva infatti generato molta preoccupazione per Airbus per qualche tempo. Quasi nessuna compagnia aerea aveva infatti ordinato il modello. Airbus ha quindi minacciato di chiudere gli ordini.

Airbus vede comunque l'A380 come una storia di successo

Airbus vede tuttavia l'A380 come una storia di successo, come sottolinea il capo il program manager del gruppo Philippe Mhun quando gli è stato chiesto dall'agenzia dpa.

Definisce infatti l'aereo una «pietra miliare» nello sviluppo della multinazionale nata da una joint venture di diverse società «a un'azienda veramente integrata», in termini tecnici, industriali e culturali. Inoltre, molte delle innovazioni dell'A380 hanno beneficiato in seguito del modello A350: «Senza il 380, Airbus oggi non sarebbe Airbus, senza il 380 oggi il 350 non sarebbe il 350, e questo è qualcosa di davvero importante», afferma Mhun

Emirates ha acquistato un totale di 123 unità dell'aeromobile a due piani da Airbus, quasi la metà di tutti i 251 A380 venduti. Tuttavia, la compagnia aerea ha già messo fuori servizio cinque A380. Il CEO di Emirates Tim Clark ha però assicurato che la società continuerà ad essere il più grande operatore dell'aereo a due piani «per i prossimi due decenni».

Lufthansa, d'altra parte, con 14 aerei (quindi uno dei più importanti clienti degli A380), ha chiuso ufficialmente il capitolo. Non è più un problema, aveva detto l'amministratore delegato Carsten Spohr. Gli aerei sono in naftalina a Teruel, Spagna, e Airbus ha già ripreso sei di loro a un prezzo non rivelato.

Consumo eccessivo

Per molte compagnie aeree, tali aerei sono troppo grandi e consumano troppo carburante con i loro quattro motori. E ciò non è decisamente economico, soprattutto se non sono completamente occupati. Il rivale americano Boeing è stato costretto a fare come Airbus, annunciando a metà 2020 la fine del jumbo jet 747.

L'impulso per lo sviluppo di questi jet giganti è stata l'idea di essere in grado di trasportare il maggior numero possibile di passeggeri con il minor numero di aeromobili su rotte a lungo raggio tra grandi nodi di traffico aereo. Nel frattempo, tuttavia, i desideri dei clienti sono cambiati: le compagnie aeree preferiscono aerei bimotore più piccoli per il maggior numero possibile di voli diretti.

Questo è il motivo per cui, ad esempio, gli aerei Airbus della famiglia A320 sono un successo: per la loro produzione ad Amburgo (e presto anche a Tolosa) vengono utilizzati gli ex hangar dell'A380. Airbus ha grandi speranze per l'ultima variante, l'A321XLR, che, grazie a un serbatoio aggiuntivo nella fusoliera e un'autonomia corrispondentemente più lunga, può essere utilizzato anche per voli transatlantici, per esempio dalla Germania alla costa orientale degli Stati Uniti.