Nel nord della Spagna

Il serial killer prende contatto con i gay e poi li uccide

Di Emilio Rappold, dpa

6.5.2022

La città basca di Bilbao con il famoso Museo Guggenheim è infestata da un serial killer.
La città basca di Bilbao con il famoso Museo Guggenheim è infestata da un serial killer.
Getty Images

L'incubo per gli utenti delle app di incontri: almeno quattro uomini che hanno cercato il grande amore online sono morti. La polizia è convinta che a Bilbao sia a piede libero un serial killer.

Di Emilio Rappold, dpa

6.5.2022

Paura e incertezza si stanno diffondendo in questi giorni a Bilbao, nel nord della Spagna. Nella metropoli basca, che attira turisti da tutto il mondo con i suoi Pintxo-bar alla moda, la sua gastronomia di alto livello e un'impressionante propaggine del Guggenheim Museum di New York, la polizia è convinta che si aggiri un serial killer.

E ha degli obiettivi ben precisi: gli uomini gay. Avrebbe infatti contattato le sue vittime tramite un'app di incontri e si dice che abbia già ucciso almeno quattro omosessuali. «C'è un clima di paura», ha detto al quotidiano online «El Confidencial» un giovane della città di 345.000 abitanti a circa 100 chilometri a ovest dal confine con la Francia.

Un giovane tra i 20 e i 30 anni è ricercato urgentemente come sospetto, hanno riferito i media spagnoli, citando le autorità. Il presunto autore è stato descritto da una vittima che è riuscita a scappata a dicembre.

Tra le altre cose, le autorità stanno indagando se ci sono stati crimini simili in altre regioni spagnole che potrebbero essere attribuiti all'uomo. E ci sono indicazioni in questo senso a Madrid e a Valencia. Ma per il momento, la polizia basca non ha fatto alcun annuncio ufficiale. Su richiesta, tuttavia, ha confermato le notizie dei media e che indagini sono in corso «da tempo».

A Bilbao, secondo la polizia, è in arrivo un serial killer, che ce l'ha con gli omosessuali.
A Bilbao, secondo la polizia, si aggira un serial killer, che ce l'ha con gli omosessuali.
dpa

Analogie

La persona ricercata è sospettata di omicidio in almeno quattro casi. Nel frattempo, non è escluso che abbia almeno altre quattro vite sulla sua coscienza.

Secondo i rapporti, tutti le morti, alcune delle quali non si credeva fossero opera di terzi, hanno più di un comune denominatore: le vittime avevano contattato il presunto serial killer tramite l'app di appuntamenti Grindr, che è particolarmente popolare tra i gay. Lo avevano invitato a casa loro ed erano stati drogati fino a perdere la vita.

Inoltre, in tutti i casi erano stati saccheggiati i conti bancari delle vittime. E infine, tutti gli omicidi sono avvenuti in un preciso quartiere nel centro di Bilbao.

Gli omicidi che finora sono stati attribuiti all'uomo sono stati commessi l'anno scorso, tra settembre e ottobre. Il sindaco di Bilbao Juan Mari Aburto ha ora ammesso - in un'intervista radiofonica - che c'è una «calma tesa» nella sua città a causa dei resoconti dei media. Il Municipio è a conoscenza delle indagini. Tuttavia, tutto deve essere fatto «per non far preoccupare» la società.

Secondo alcuni «Bilbaínos», tuttavia, il fatto che le autorità restino in gran parte silenziose non fa che aumentare la sensazione di insicurezza. «Il fatto che non ci siano informazioni è già un problema. Si ha l'impressione che quanto sta succedendo non sia preso abbastanza sul serio (dalle autorità). I miei amici e la mia famiglia mi dicono di stare attento», ha detto il giovane citato da El Confidencial.

Ricerca di un sospetto

Il giornale «20Minutos» ha notato giovedì che la comunità gay è «spaventata». Julio, che gestisce un pub con pintxos, le tipiche tapas basche, può confermarlo. «Non sono solo i gay a essere incerti. Lo noto anche nel numero di visitatori che vengono qui», ha detto in un'intervista all'agenzia di stampa tedesca.

Nel frattempo, il canale televisivo «La Sexta» ha riferito, citando gli investigatori, che l'incubo potrebbe presto finire. Le autorità hanno identificato il sospetto e ora sono sulle sue tracce.

Si tratta di un sudamericano fuggito in fretta durante il suo ultimo attacco: quando la vittima si è accorta delle cattive intenzioni, ha reagito, urlato e chiesto aiuto ai vicini. Il presunto serial killer ha lasciato uno zaino con estasi liquida e oggetti personali.

L'Associazione basca che rappresenta lesbiche, gay, transgender, bisessuali e intersessuali (Observatorio Vasco LGTBI+) assicura che i problemi per le minoranze a Bilbao non finiranno anche se la persona che stanno cercando verrà presto arrestata. Perché questo caso particolarmente brutto è solo «la punta dell'iceberg».

Ci sono infatti sempre più attacchi contro gay, lesbiche e altre minoranze. Le autorità dovrebbero «prendere misure protettive urgenti ed efficaci». Sono in gioco i diritti fondamentali e la vita di molti cittadini, si legge in una not. Una manifestazione di protesta è stata annunciata per il 17 maggio. Nel frattempo, queste e altre organizzazioni hanno anche messo in guardia sui pericoli dell'utilizzo di app di appuntamenti.