«Errori investigativi e procedurali» In Missouri una donna avrebbe trascorso da innocente 43 anni dietro le sbarre

SDA / pab

17.6.2024 - 17:13

Gli avvocati di Sandra Hemme hanno chiesto immediatamente il suo rilascio dal centro correzionale di Chillicothe (foto d'archivio).
Gli avvocati di Sandra Hemme hanno chiesto immediatamente il suo rilascio dal centro correzionale di Chillicothe (foto d'archivio).
Keystone

Una donna del Missouri potrebbe essere stata ingiustamente imprigionata per oltre 43 anni per l'omicidio di un'altra donna. Un giudice distrettuale della contea di Livingston ha dichiarato, dopo diversi giorni di udienze sul caso, che esistevano prove «chiare e convincenti» dell'innocenza di Sandra «Sandy» Hemme, oggi 64enne.

SDA / pab

17.6.2024 - 17:13

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Una donna ha trascorso 43 anni in prigione negli Stati Uniti, ma forse era innocente.
  • Secondo un giudice, ci sono stati errori investigativi e procedurali piuttosto evidenti.
  • Gli avvocati di Sandra Hemme hanno immediatamente richiesto il suo rilascio dal centro correzionale di Chillicothe.
  • Il probabile colpevole potrebbe essere un poliziotto, che malgrado indizi di una certa importanza, non è mai stato preso in considerazione nelle indagini in relazione a questo omicidio.
  • Dopo il delitto l'agente, già indagato per altri crimini, si è trasferito in un altro Stato dove è finito in prigione.
  • È morto nel 2015.

In una relazione di 118 pagine, il giudice Ryan Horsman ha rilevato che «prove dirette» puntavano il dito contro Michael Holman, un agente di polizia, morto nel 2015. Vi erano stati anche errori investigativi e procedurali piuttosto evidenti.

Gli attuali avvocati della donna, del collettivo Innocence Project, hanno immediatamente chiesto il suo rilascio dal centro correzionale di Chillicothe.

Il procuratore ha ora 30 giorni per decidere se rinviare a giudizio Hemme o ritirare le accuse. Se venisse rilasciata, si tratterebbe della più lunga condanna ingiusta di una donna nella storia degli Stati Uniti: oltre 43 anni. Era stata condannata nel 1980 per l'omicidio di Patricia Jeschke, una bibliotecaria di 31 anni, avvenuto nel suo appartamento di St Joseph.

«L'unica prova che collega Hemme al crimine sono le sue stesse dichiarazioni incoerenti e non provate, dichiarazioni fatte quando era in crisi psichiatrica e in preda a dolori fisici», ha scritto il giudice Horsman nel rapporto. Non aveva un movente per il reato, ha detto, né c'erano prove forensi.

«Non lo so, non lo so»

Circa due settimane dopo il crimine, Hemme s'accusò da sola di aver commesso l'omicidio, scrisse il Kansas City Star nel giugno 2023. Nello stesso momento però dichiarava di non esserne sicura e disse agli investigatori che credeva di aver pugnalato la donna con un coltello da caccia aggiungendo tuttavia: «Non lo so, non lo so».

Secondo il rapporto, gli avvocati di Hemme avevano sostenuto che la donna era in crisi mentale al momento degli interrogatori, ben otto in due settimane, ed era talmente sotto l'effetto di farmaci da non riuscire nemmeno a tenere la testa sollevata.

Sospetti su un poliziotto

L'attuale team legale di Hemme sostiene che la polizia ha ignorato le prove che indicavano come sospetto uno dei suoi agenti nel Dipartimento di Polizia di Saint Joseph (SJPD). Ritengono infatti che probabilmente sia Michael Holman il responsabile della morte di Jeschke.

Gli avvocati della difesa hanno scoperto che il poliziotto ha usato la carta di credito di Jeschke il giorno del ritrovamento del suo corpo per acquistare attrezzatura fotografica a Kansas City, che erano stati trovati gli orecchini della vittima nascosti nel suo appartamento e che il suo furgone è stato avvistato vicino alla scena del crimine.

Questi elementi all'epoca, secondo KCTV, non sono stati comunicati alla difesa di Hemme e l'indagine contro l'agente del SJPD non è mai stata portata avanti e non sono state fornite informazioni sul suo passato criminale.

La difesa di Hemme all'epoca, inoltre, non ha presentato prove di stress mentale e confusione dell'accusata, sempre stando alle informazioni dell'emittente televisiva.

Holmam, fortemente sospettato d'aver ucciso Jeschke, era indagato per frode assicurativa e furto con scasso. Alla fine lasciò il dipartimento di polizia per trasferirsi in un altro Stato e finì in prigione.

Come detto è morto nel 2015.

SDA / pab