Allagamenti

Italia: Venezia, sarà decretato lo stato d'emergenza

ATS / pab

14.11.2019 - 09:03

Venezia è sommersa da diversi giorni, ma ora il livello sta calando
Source: KEYSTONE/AP/LUCA BRUNO

Una notte tranquilla a Venezia quella appena trascorsa, senza picchi di marea né allarmi per il maltempo. La città, dopo 48 ore da incubo, ha potuto tirare il respiro.

Oggi, goivedì, la laguna si è risvegliata con il sole, cielo limpido e temperatura più rigida, perchè lo scirocco non c'è. Dopo l'emergenza per la mareggiata che ha creato gravi danni a monumenti abitazioni e alberghi comincerà la vera e propria conta dei danni.

Non tutto è ancora alle spalle, però, perchè se mercoledì sera la massima si è fermata sotto gli 80 centimetri, le previsioni parlano giovedì di un altro picco significativo, 125 centimetri sul medio mare (alle 10.50), con la possibilità che le zone più basse, come San Marco, siano nuovamente allagate.

Si decretarà lo stato d'emergenza

A Venezia c'è anche il premier italiano Giuseppe Conte, che dopo la riunione operativa di mercoledì sera e la visita a San Marco, oggi, giovedì, dovrebbe incontrare anche i commercianti della città.

«Il governo è presente (...) Venezia è un patrimonio dell'Italia e dell'umanità che ha bisogno di risolvere una serie di problemi storici che si trascinano» ha detto Conte annunciando un Consiglio dei ministri per giovedì pomeriggio in cui verrà decretato lo stato di emergenza: «Allo stato non ci sono ragioni per negare lo stato di emergenza e stanziare i primi fondi», ha affermato il premier.

Almeno una vittima

Martedì intanto un uomo di 78 anni è morto fulminato nell'isola di Pellestrina, una delle lingue di terra che dividono Venezia dal mare. A provocare la morte dell'anziano sarebbe stato un corto circuito elettrico innescato dalla marea che gli era entrata in casa.

Un secondo abitante dell'isola è stato trovato deceduto in casa, ma probabilmente il suo decesso è da ricondurre a cause naturali.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS / pab