Pandemia

La strategia «zero Covid» sta raggiungendo i suoi limiti in molti luoghi

di Sven Hauberg

4.8.2021

Dopo un'epidemia di Covid-19 nella città cinese di Nanchino, i cittadini si stanno mettendo in fila per essere testati.
Dopo un'epidemia di Covid-19 nella città cinese di Nanchino, i cittadini si stanno mettendo in fila per essere testati.
KEYSTONE

La diffusione della variante Delta e le vaccinazioni insufficienti: in sempre più paesi che hanno adottato una strategia «zero covid», il virus è di nuovo dilagante.

di Sven Hauberg

4.8.2021

Al partito comunista al potere non piace sentir dire che la Cina è dove ha avuto origine la pandemia da Covid. Preferisce diffondere la narrativa che è un Paese che ha la situazione sotto controllo, mentre in tutto il mondo il numero di casi ha continuato a crescere. Lo ha fatto attraverso una strategia ben studiata, seguendo la propaganda di Stato, attraverso test, attraverso il monitoraggio e attraverso lo sviluppo di vaccini.

L'obiettivo del governo cinese è quello di avere un Paese interamente senza casi. Ma questa strategia «zero covid» sta raggiungendo sempre più i suoi limiti. Il colpevole è la variante Delta, la mutazione del virus registrata per la prima volta in India, Stato con il quale la Cina ha un vicinato estremamente conflittuale da qualche tempo.

La Delta è «contagiosa come la varicella», ha dichiarato recentemente l'autorità sanitaria statunitense CDC. Il rapporto prosegue dicendo che la variante potrebbe anche sfondare più facilmente la protezione delle vaccinazioni. 

Quello che significa può essere osservato in Cina da alcuni giorni. Nel mese di luglio sono stati registrati nel Paese 328 nuovi casi di Covid trasmessi localmente. Non molti in rapporto alla popolazione di circa 1,4 miliardi di persone, ma in un solo mese si sono scovate tante infezioni quante se ne contavano nei cinque mesi precedenti. Secondo l'agenzia di stampa statale Xinhua, responsabile dell'aumento è proprio la variante Delta. 

Molti infetti vaccinati con il preparato cinese

Stando alle cifre fornite, circa 1,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate fino alla fine di luglio. La Cina usa principalmente il vaccino autoprodotto CoronaVac del produttore Sinovac e il vaccino di Sinopharm. Entrambi devono essere somministrati due volte per ottenere una protezione completa.

Di recentemente c'è stata una grande epidemia di Sars-CoV-2 nella metropoli cinese orientale di Nanjing, dopo che nove addetti alle pulizie sono risultati positivi in un test di routine. Poco dopo sono state rilevate almeno 200 infezioni in cinque province cinesi, che sono state collegate a quei primi casi. Una gran parte delle persone infette era stata vaccinata, secondo quanto riferito dai media cinesi. Il che non fa che alimentare i dubbi, già ampiamente diffusi, sull'efficacia del vaccino cinese.

Il governo ha risposto con uno schema ormai noto: con test di massa, quarantena e chiusure regionali. L'epidemia mostra che «l'approccio di ‹tolleranza zero› ha raggiunto i suoi limiti», ha detto alla CNN l'esperto sanitario Huang Yanzhong del think tank Council on Foreign Relations.

L'economia della Nuova Zelanda soffre

La strategia «zero covid» sta fallendo anche altrove. In Nuova Zelanda, per esempio, il piano per tenere il Sars-CoV-2 fuori dai propri confini sta cominciando a incrinarsi. Perché il Paese, con i suoi quasi cinque milioni di abitanti, rischia di diventare vittima del suo stesso successo. Poiché ci sono state pochissime infezioni (la Johns Hopkins University ha contato finora solo 26 morti e meno di 3.000 infezioni), anche la volontà di vaccinarsi è bassa.

Solo poco più del 14% della popolazione neozelandese è completamente immunizzata. In confronto, in Svizzera la cifra è intorno al 50%, e in Germania ancora un po' più alta.

Naturalmente, la Nuova Zelanda potrebbe continuare a isolarsi dall'estero per mantenere basso il numero di infezioni importate. Ma l'economia di questa piccola nazione del Pacifico non sopravviverà a lungo. Le esportazioni sono crollate di un quarto, soprattutto perché non si sono potuti recare sull'isola lavoratori stranieri in numero sufficiente, come riporta la «Süddeutsche Zeitung». Ma il governo di Jacinda Ardern continua ad attenersi alla sua strategia.

Singapore vuole vivere con il virus

Nel frattempo, Singapore, una volta sostenitore della strategia «zero covid», sta prendendo una strada diversa. Si deve imparare a convivere con il virus, hanno scritto tre membri della task force nazionale per il Covid, in un articolo per lo Strait Times alla fine di giugno. «Non possiamo sradicarla, ma possiamo trasformare la pandemia in qualcosa di molto meno minaccioso, come l'influenza, l'afta epizootica o la varicella, e andare avanti con le nostre vite».

L'articolo continua: «Se possiamo convivere con il Covid-19 dipende in ultima analisi dalla gente di Singapore che accetta che il Covid-19 sarà endemico». Oltre alle misure igieniche, le vaccinazioni e i test mirati sono le cose più importanti. La città-Stato ha abbandonato l'obiettivo di non permettere altre infezioni.

Anche a Singapore, la Delta è ora la variante di Covid più frequentemente registrata. E anche a Singapore, come in Cina, molti degli infetti sono già stati vaccinati.

La spiegazione di ciò sembra paradossale: secondo il professor Teo Yik Ying dell'Università Nazionale di Singapore, infatti, l'alto tasso di vaccinazione nel paese è responsabile di queste cifre. «Quasi il 75% della popolazione è stata vaccinata con almeno una dose, quindi la probabilità che il Covid-19 colpisca qualcuno che è stato immunizzato è maggiore che vada a infettare qualcuno che non lo è stato», ha detto Teo in un'intervista.