Maddie: un anno fa una svolta spettacolare, ma la soluzione rimane incerta

Christian Brahmann und Emilio Rappold, dpa

6.6.2021

La piccola Madeleine (Maddie) McCann in una foto non datata
La piccola Madeleine (Maddie) McCann in una foto non datata
DPA

Un appello a testimoni nel caso Maddie ha messo un sospetto tedesco sotto i riflettori un anno fa, e le nuove indagini hanno fatto sperare che il caso sarebbe stato risolto. Ma una svolta non sembra essere in vista.

Christian Brahmann und Emilio Rappold, dpa

6.6.2021

Il 12 maggio si sarebbe dovuto festeggiare il suo 18° compleanno. Ma Maddie non c'è. Non è con i suoi genitori e la sua famiglia nel Regno Unito. Madeleine McCann è scomparsa da più di 13 anni, e il destino irrisolto della bimba continua a fare notizia ancora oggi. Quando gli investigatori hanno sorprendentemente annunciato un anno fa che un tedesco è sospettato del suo omicidio la speranza per una certezza tardiva è comunque germogliata.

La sera del 3 giugno 2020 si è vissuti una svolta spettacolare quando gli investigatori dell'Ufficio federale tedesco di polizia criminale (BKA), la Metropolitan Police nel Regno Unito e la Polícia Judiciária portoghese hanno chiesto l'aiuto del pubblico attraverso i media, annunciando che il sospetto nel caso della scomparsa di Maddie era un criminale sessuale con condanne multiple in custodia per un altro reato.

Nel frattempo, l'uomo di 44 anni sta scontando una pena in una prigione della Bassa Sassonia per uno stupro, ma non ha affrontato alcuna accusa nel caso Maddie. «No, l'accusato non è stato interrogato finora», ha detto il procuratore di Braunschweig Hans Christian Wolters alla Deutsche Presse-Agentur (DPA) a fine maggio. L'autorità giudiziaria è responsabile del caso perché l'uomo aveva la sua ultima residenza tedesca nella città della Bassa Sassonia.

Il 3 maggio 2007, Madeleine McCann, Maddie, bimba di tre anni, è scomparsa da un complesso di appartamenti di vacanza a Praia da Luz, in Portogallo. Da allora, non c'è più traccia di lei.

Nessuna informazione sulle «circostanze della sua morte»

Da quando è stata resa pubblica la notizia sul sospetto, l'enorme interesse per il caso ha eclissato tutto ciò che l'ufficio del procuratore di Braunschweig ha dovuto affrontare finora, come ha sottolineato spesso il portavoce dell'autorità Wolters. La vita passata del 44enne e i suoi crimini sono stati riportati in dettaglio dal giugno 2020. Risultati significativi sul caso Maddie, tuttavia, finora, non ne sono emersi.

Una svolta nelle indagini non è nemmeno in vista a breve termine. Secondo il procuratore Wolters, richiederanno certamente qualche mese in più, forse si estenderanno al prossimo anno o anche oltre. Wolters ha sottolineato come non sia insolito che l'interrogatorio di una persona accusata - come in questo caso - sia posto alla fine dell'indagine. Il procuratore inoltre ha regolarmente bollato come false o come speculazioni le informazioni sul caso apparse di recente.

Un esempio? Eccolo: un rapporto di qualche giorno fa, secondo il quale gli investigatori suppongono che la piccola Maddie sia stata uccisa in Portogallo e non più che sia stata portata in Germania. «Finora, non abbiamo fornito alcuna informazione sulle circostanze specifiche della sua morte e, per ora, continuiamo così», ha detto Wolters in risposta. Sullo stato del procedimento ha invece solo affermato: «Nel corso dell'ultimo anno, nessuna circostanza scagionante è emersa a favore dell'accusato». Né più né meno.

Reazioni seccate in Portogallo

I genitori della bimba hanno recentemente sottolineato che non hanno ancora perso la speranza di rivedere la loro figlia. «Ci aggrappiamo alla speranza, per quanto piccola, di rivedere Madeleine», hanno scritto Kate e Gerry McCann sul loro sito web. «Quest'anno è particolarmente doloroso perché avremmo dovuto festeggiare il 18° compleanno di Madeleine». Hanno ringraziato le autorità per aver continuato a indagare nonostante la pandemia.

In Portogallo, il caso ha scatenato a lungo reazioni piuttosto seccate. «Maddie? Ancora? Non finisce mai?» ha chiesto il proprietario di un caffè di Lagos, molto irritato, quando gli è stato chiesto se la ragazza scomparsa senza aver lasciato tracce 14 anni fa fosse ancora un problema nella regione.

La reazione stizzita non è un caso isolato. Da anni ormai non c'è più simpatia per i genitori di Maddie nella regione dellAlgarve, nel sud del Portogallo. Prevalgono piuttosto la rabbia e l'ira. Gli abitanti di Lagos e della vicina località balneare di Praia da Luz si sentono trattati ingiustamente e stigmatizzati.

Immagine negativa per il business del turismo

I dossier sulla criminalità non sono buoni per il business del turismo. La scomparsa di una ragazza è molto triste, ma casi simili si verificano ogni giorno in tutto il mondo. A Lagos, questo viene spiegato più e più volte con un tono irritato a chiunque osi sollevare l'argomento. Non c'è quasi nessun crimine nella regione.

Il dipartimento investigativo penale portoghese non ha ancora archiviato il caso dopo che è stato riaperto nel 2013. Nel corso degli anni, praticamente ogni pietra dell'Algarve è stata rivoltata, e molti dei 3.000 residenti di Luz sono stati interrogati, spesso più volte. Non c'è ancora una pista concreta.

«Come abbiamo detto molte volte, abbiamo bisogno di sapere cosa è successo alla nostra meravigliosa figlia - non importa cosa», hanno scritto i genitori sul 18° compleanno, che hanno dovuto trascorrere senza Maddie.