Mark Zuckerberg vede ancora un futuro per WhatsApp?

Di Dirk Jacquemien

5.12.2021

Tutto meta o cosa? Come se la caverà WhatsApp con la nuova struttura aziendale?
Tutto Meta o cosa? Come se la caverà WhatsApp con la nuova struttura aziendale?
Getty Images

L'azienda Facebook ha cambiato nome e ora si chiama Meta. Ma come si inserisce WhatsApp nei piani di Mark Zuckerberg per dominare il favoloso Metaverso?

Di Dirk Jacquemien

5.12.2021

Mark Zuckerberg ne ha abbastanza del mondo «fisico» considerando tutti i rapporti esistenti sui numerosi scandali di Facebook. Ha quindi deciso di immergersi nel Metaverso, un mondo virtuale che finora è esistito principalmente nella sua immaginazione. Tutta la sua azienda sarà quindi fin da subito orientata verso questo obiettivo ed è per questo che ora ha un nuovo nome e si chiama «Meta».

La «famiglia di App» - che comprende i social media Facebook, Instagram e WhatsApp - continuerà naturalmente a essere gestita e sviluppata, ma nel nuovo Meta Group è stata messa in secondo piano, almeno nelle idee. E in questa famiglia di App, WhatsApp è sicuramente il figliastro che sta in disparte.

WhatsApp non porta (quasi mai) entrate finanziarie

A differenza delle piattaforme Facebook e Instagram, che generano miliardi di dollari di profitti nelle casse aziendali ogni trimestre dalla vendita di pubblicità, WhatsApp non garantisce quasi nessuna entrata. La pubblicità non esiste e le iniziative di monetizzazione - come i conti per le imprese o i trasferimenti di denaro nell'app - sono ancora agli inizi.

Per perseguire le sue ambizioni malvagiamente costose del Metaverso, Zuckerberg ha bisogno delle entrate di Facebook e Instagram per poterle sovvenzionare. Di conseguenza, è probabile che punterà ad assicurarsi che queste «macchine fabbrica soldi» continuino a far bene il loro dovere.

Il fatto che l'azienda metta i profitti al di sopra del bene comune, come sostiene Frances Haugen, la whistleblower di Facebook, non è quindi sorprendente.

WhatsApp sembra dunque sacrificabile

Per Meta, WhatsApp sembra dunque sacrificabile, il che potrebbe anche essere una buona notizia per i fan dell'App nel suo stato attuale. Dal momento infatti che Meta non ha bisogno di ricavare freneticamente quanti più dollari possibili dall'App, non c'è nemmeno la necessità di fare cambiamenti significativi a WhatsApp.

Al contrario, troppe turbolenze intorno a WhatsApp potrebbero addirittura interrompere il rebranding di Meta.

La qual cosa è in pieno svolgimento. Il logo e la scritta sono già stati cambiati nelle versioni beta di WhatsApp. Invece di «WhatsApp di Facebook», ora è «WhatsApp di Meta». Gli scandali del passato erano principalmente legati alla piattaforma Facebook e, più recentemente, anche a Instagram. Lì, le fake news e l'odio hanno regnato o la protezione dei dati è stata bellamente ignorata.

Meta non vuole altro stress

WhatsApp, d'altra parte, è stato ampiamente risparmiato dai titoli negativi. Solo all'inizio dell'anno un cambiamento pianificato alle condizioni d'uso ha causato una breve agitazione. Ma Facebook ha fatto rapidamente marcia indietro e ad oggi è ancora possibile utilizzare l'App senza aver mai accettato i cambiamenti.

Lo stress semplicemente non valeva lo sforzo per l'azienda. Si può quindi supporre che, nel prossimo e medio futuro, gli utenti di WhatsApp saranno risparmiati da cambiamenti impopolari. Questo perché non sarebbe più il marchio «Facebook» a venire danneggiato, ma quello «Meta».