Migranti: Papa, non chiudiamo le porte alla loro speranza

SDA

26.9.2021 - 15:21

"Non chiudiamo le porte alla loro speranza": lo ha detto il Papa all'Angelus ricordando che oggi è la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.
Keystone

«Non chiudiamo le porte alla loro speranza»: lo ha detto il Papa all'Angelus ricordando che oggi è la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.

SDA

26.9.2021 - 15:21

Oggi – ha ricordato Papa Francesco all'Angelus – si celebra la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato». «È necessario camminare insieme, senza pregiudizi, senza paure, ponendosi accanto a chi è più vulnerabile, migranti, rifugiati, sfollati, vittime della tratta e abbandonati. Siamo chiamati a costruire un mondo sempre più inclusivo che non escluda nessuno».

Il Papa ha poi salutato «quanti nelle varie parti del mondo stanno celebrando questa giornata», i fedeli riuniti a Loreto per l'iniziativa della Conferenza episcopale italiana (Cei); «saluto e ringrazio le diverse comunità etniche presenti qui in piazza con le loro bandiere», ha aggiunto rivolgendosi anche ai rappresentanti del progetto Apri di Caritas Italina, a Migrantes della diocesi di Roma e al Centro Astalli. «Grazie a tutti per il vostro impegno generoso».

Poi il Papa ha invitato i fedeli in piazza a recarsi presso il monumento, all'interno del colonnato del Bernini, dedicato ai migranti: «Prima di lasciare la piazza vi invito a avvicinarsi a quel monumento là», «la barca con i migranti e a soffermarvi sullo sguardo di quelle persone e cogliere in quello sguardo la speranza che oggi ha ogni migrante di ricominciare a vivere. Andate là, vedete quel monumento. Non chiudiamo le porte alla loro speranza».

SDA