Misure anti-covid: scontri e tensioni in diverse città, tra cui Lugano

ATS / SwissTXT / sam

31.10.2020 - 08:10

Le misure decise dai governi per frenare la pandemia creano malcontento e si registrano sempre più proteste in diverse città che talvolta sfociano in scontri.

Incidenti ieri sera nel centro storico di Firenze, dove si è assistito al lancio di bombe carta, fumogeni, ad atti vandalici e ripetute cariche della polizia per una manifestazione non autorizzata. Sarebbero state fermate una ventina di persone e alcuni agenti avrebbero riportato ferite.

Scontri anche a in centro a Barcellona tra manifestanti e agenti di polizia. In centinaia sono scesi in piazza per protestare contro le nuove misure anti-covid che prevedono il coprifuoco e il divieto di lasciare la città durante il weekend di festa.

Si sono registrati anche alcuni saccheggi nei negozi, così come danneggiamenti alle auto delle forze dell'ordine. Cinquanta agenti sono rimasti feriti e 12 persone sono state invece arrestate, come ha confermato la polizia su Twitter.

Proteste anche a Lugano, una giornalista aggredita

Anche a Lugano un gruppo di una trentina di persone venerdì sera ha manifestato, tra Piazza Molino Nuovo e il centro, contro le misure introdotte per arginare la crescita dei contagi da coronavirus.

Si è trattato di un piccolo gruppo che ha esposto striscioni contro le restrizioni, molti senza aver indossato mascherine.

Un giornalista è stato allontanato in malo modo, mentre una seconda giornalista sarebbe stata aggredita.

Tornare alla home page

ATS / SwissTXT / sam