Cressier in ginocchio per il maltempo, 200 militari in aiuto

hl, ats

26.6.2021 - 13:20

Un metro di terriccio e fango sulla strada principale di Cressier.
Keystone

Circa 200 militi del genio civile aiuteranno nei prossimi giorni le autorità di Cressier (NE), messa in ginocchio dai violenti nubifragi della scorsa settimana. Sono giunti oggi dalla regione di Aarau, dove il loro battaglione sta tenendo i corsi di ripetizione.

hl, ats

26.6.2021 - 13:20

Il Dipartimento federale della difesa (DDPS) ha infatti accolto una richiesta del Consiglio di Stato di Neuchâtel di inviare l'esercito per eseguire lavori urgenti per mettere in sicurezza il corso d'acqua sopra il villaggio di Cressier. Lo indicano oggi le autorità neocastellane in una nota. I militi sono giunti oggi nella regione a bordo di numerosi mezzi pesanti.

L'obiettivo è quello di rendere il letto del torrente che scorre a monte del villaggio sicuro il più presto possibile e di eliminare i grandi volumi di materiale che attualmente bloccano il corso naturale del fiume.

I lavori si estendono sui comuni di Frochaux, Enges e Cressier e mirano ad evitare che una nuova colata di fango e detriti invada, in caso di forti piogge, nuovamente Cressier. Si lavorerà 24 ore su 24 per mettere in sicurezza i settori più pericolosi del villaggio. L'impegno dell'esercito dovrebbe concludersi mercoledì 30 giugno.

Martedì scorso i circa 1.900 abitanti del villaggio, che si trova nella regione tra i laghi di Bienne e Neuchâtel, sono stati sorpresi da torrenti di fango, pietre e pezzi di legno, che hanno spazzato via arredi urbani ed automobili. Una settantina di edifici sono stati danneggiati.

hl, ats